Rimini. Teleriscaldamento. La giunta conferma il bonus a favore delle famiglie meno abbienti. Una misura di sostegno alle famiglie.

Rimini. Teleriscaldamento. La giunta conferma il bonus a favore delle famiglie meno abbienti. Una misura di sostegno alle famiglie.
Rimini Comune

RIMINI. La Giunta comunale ha approvato anche per l’anno 2014 l’erogazione di un sostegno economico ai cittadini residenti allacciati alle reti di teleriscaldamento o utilizzatori d’impianti termici alimentati a GPL delle zone non metanizzate del Comune di Rimini.

Si tratta della misura di sostegno denominata Bonus Teleriscaldamento-GPL, che sarà erogata attraverso un bando pubblico adottando i medesimi criteri di quelli previsti dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas (AEEG) per il cosiddetto Bonus Gas, che propone un regime di compensazione della spesa sostenuta per la fornitura di gas naturale a favore delle famiglie meno abbienti e numerose. Da tale misura sono però esclusi tutti i cittadini allacciati alle reti di teleriscaldamento o che utilizzano impianti a GPL in zone non metanizzate.

Con la delibera approvata martedì, infatti, la Giunta ha definito i criteri per l’accesso alle misure di sostegno, che saranno riservate ai nuclei familiari con ISEE inferiore a 7.500 euro o inferiore a 20.000 euro nel caso di nuclei con più di 3 figli. In particolare, per i consumi effettuati nel corso del 2014, gli importi massimi saranno pari a 173 euro per i nuclei familiari fino a 4 componenti, che potranno salire a 248 per i nuclei familiari oltre i 4 componenti.

Col provvedimento adottato, che prevede per l’anno 2014 una spesa fino a 20.000 euro, la Giunta restituisce così parità di trattamento tra tutti i cittadini a prescindere dalle scelte tecniche per il riscaldamento degli edifici.

Dal 2009 al 2013 sono stati quasi 40.000 gli euro di bonus erogati dal Comune di Rimini come sconto in bolletta a favore di 171 famiglie tele riscaldate o che utilizzano Gpl.

 

Ti potrebbe interessare anche...