Bologna. All’Istituto Ramazzini sarà attivo un ecografo di nuova generazione per una diagnosi più precisa della presenza di tumori.

Bologna. All’Istituto Ramazzini sarà attivo un ecografo di nuova generazione per una diagnosi più precisa della presenza di tumori.
Lotta al tumore, foto di repertorio

BOLOGNA. Istituto Ramazzini: dalla prossima settimana sarà operativo nel Centro Clinico di Ozzano un ecografo di nuova generazione che permetterà una diagnosi più precisa rispetto alla presenza di tumori. L’acquisto dell’ecografo è stato possibile grazie al successo del fundraising e della mobilitazione dei soci. Da venerdì 26 giugno sarà possibile contribuire al fundraising partecipando a tre appuntamenti musicali che si terranno nel piazzale antistante il Centro Clinico di Ozzano. 

Grazie al generoso contributo dei soci è stato possibile avviare una attività di fundraising che ha permesso all’Istituto Ramazzini di proseguire nell’acquisizione di nuove apparecchiature destinate alla diagnosi precoce del cancro, in funzione già dalla prossima settimana nel nuovo Centro Clinico di Ozzano (via Emilia 79), inaugurato recentemente, che si affianca alla struttura storica di via Libia, a Bologna.

‘Questi continui investimenti hanno permesso all’Istituto Ramazzini di essere all’avanguardia nell’attività di prevenzione oncologica sul territorio e l’apertura del Centro Clinico di Ozzano è la testimonianza di questo impegno’ha dichiarato Pier Paolo Busidirettore generale dell’Istituto Ramazzini.  Grazie a una generosa donazione di un socio di Ozzano e alle tante donazioni dei volontari e dei soci, anche chi si rivolge al nuovo Centro Clinico potrà usufruire delle prestazioni dell’ecografo UGEO RS80A della Samsung che fornisce immagini ecografiche di alto livello grazie all’architettura S-Vision e ai trasduttori S-Vue.

‘Un ringraziamento va ai nostri soci per i tanti contributi e ai medici che ogni giorno si prodigano per fornire un servizio di qualità ai cittadini» ha aggiunto Simone Gamberini, presidente dell’Istituto Ramazzini.

‘La diagnosi precoce – ricorda il direttore del Centro Clinico di Ozzano, il dottor Luciano Bua, specialista in oncologia – è uno strumento formidabile per contrastare lo sviluppo dei tumori fin dal loro primo manifestarsi’.

L’ecografo sarà operativo già dalla prossima settimana e. per quanto riguarda le apparecchiature scientifiche, si stanno programmando nuove integrazioni. Per raccogliere ulteriori fondi, da venerdì 26 giugno prenderanno il via tre serate musicali a ingresso gratuito promosse dai soci e denominate ‘I venerdì sera dell’Istituto Ramazzini’.

La rassegna si terrà dalle ore 21 nel giardino antistante l’ingresso del Centro Clinico (via Emilia 79): l’apertura è stata affidata al gruppo jazz “EliElla Quartet”. I venerdì successivi, stesso orario, si esibiranno il quartetto di sassofoni “LeSax” (3 luglio) e la band acustica di Alfonso Oliver (10 luglio).

Ti potrebbe interessare anche...