Santarcangelo. Il performer Leonardo Delogu dedica un workshop al parco dei Cappuccini. Un progetto promosso da Santarcangelo Festival.

Santarcangelo. Il performer Leonardo Delogu dedica un workshop al parco dei Cappuccini. Un progetto promosso da Santarcangelo Festival.
Leonardo Delogu. Immagine di repertorio.

SANTARCANGELO. Iscrizioni aperte, l’iniziativa è gratuita e rivolta a tutti i santarcangiolesi.

Prenderà il via lunedì 6 luglio “Incontri del Terzo Luogo: spazi di indecisione”, il workshop gratuito e aperto a tutti i cittadini di Santarcangelo dedicato al parco dei Cappuccini. L’iniziativa, promossa dall’Amministrazione comunale di Santarcangelo e dal Festival Internazionale del Teatro in Piazza, rientra nella programmazione del Festival 2015 e nel percorso partecipato d’indagine collettiva sul paesaggio condotto a partire dallo scorso anno dal ricercatore e performer Leonardo Delogu.

Dopo tre anni di lavoro sulla città di Lecce, promossi dalle Manifatture Knos, in collaborazione con il collettivo di architetti paesaggisti CoLoCo (Pablo e Miguel Georgieff) e la supervisione del paesaggista di fama mondiale Gilles Clément, gli “Incontri del Terzo Luogo” si spostano dunque a Santarcangelo, per sperimentare le pratiche sviluppate nell’esperienza di Lecce in relazione alle domande sull’arte, la performance, la dimensione pubblica che il Festival porta con sé. Un progetto, avviato già nel 2014 in collaborazione con il Festival, per realizzare un percorso partecipato con alcuni abitanti della città come dimensione d’indagine collettiva rispetto alle possibili forme di coabitazione dell’uomo con lo spazio naturale e il paesaggio.

Il workshop “Incontri del Terzo Luogo: spazi di indecisione”, che porta avanti questo percorso, è un’occasione per proseguire la riflessione della città di Santarcangelo sulla sua principale area verde, ed è anche un primo momento di riappropriazione di quello spazio con la filosofia del Terzo Paesaggio. Diverse le iniziative in programma, che si svolgeranno all’interno del parco dei Cappuccini in due fasi: la prima, che prevede 5 incontri da lunedì 6 a venerdì 10 luglio (ore 18-21) si focalizzerà sulla relazione tra corpo e paesaggio e sulla progettazione del parco dei Cappuccini a partire dall’esperienza percettiva del giardino. La seconda fase, da sabato 11 a martedì 14 luglio (ore 9-12 e 17-21) sarà dedicata invece alla trasformazione dell’ex cava del parco dei Cappuccini in un giardino. Entrambe le fasi del workshop sono ad accesso gratuito: la prima, condotta da Leonardo Delogu, è rivolta principalmente ai cittadini di Santarcangelo, mentre la seconda – condotta dallo stesso Delogu insieme a Pablo Georgieff (CoLoCo) – è aperta a tutti. In entrambi i casi è necessario iscriversi contattando il Festival del Teatro (0541/626185, info@santarcangelofestival.com) fino al giorno di apertura del workshop (6 luglio).

Oltre al workhsop, il progetto “Incontri del Terzo Luogo” propone altre due iniziative pubbliche. Sabato 11 luglio alle ore 15 alla scuola elementare Pascucci è in programma la conferenza “Dagli incontri del Terzo Luogo alla scuola del Terzo Luogo”, alla presenza dell’assessore alla Qualità ambientale, Sviluppo sostenibile e innovazione, Pamela Fussi (Comune di Santarcangelo), della direttrice artistica del Festival, Silvia Bottiroli, di Michele Bee, Pablo Georgieff e Leonardo Delogu. Mercoledì 15 luglio alle ore 18, invece, si svolgerà la camminata pubblica “Esplorazioni a piedi del terzo paesaggio di Santarcangelo”, che partirà dal parco dei Cappuccini per dirigersi verso Mutonia e l’area dell’ex cementificio Buzzi Unicem.

Nel presentare l’iniziativa, l’assessore Fussi pone l’accento sulla partecipazione: “Per l’Amministrazione comunale questo workshop ha un grande valore, perché ci consente di ascoltare quello che i cittadini immaginano e vorrebbero per il futuro del parco dei Cappuccini. Un momento di riflessione e confronto – aggiunge l’assessore alla Qualità ambientale, Sviluppo sostenibile e innovazione – che permetterà anche di conoscere meglio il parco più grande di Santarcangelo, sia a chi lo frequenta abitualmente sia ai partecipanti che lo scopriranno nel corso del workshop”.

 

Ti potrebbe interessare anche...