Milano. Rescasa Lombardia istituisce Temporaryhome, un osservatorio per gli appartamenti ad uso turistico. Bene le realtà extraalberghiere, ma occorrono regolamenti.

Milano. Rescasa Lombardia istituisce Temporaryhome, un osservatorio per gli appartamenti ad uso turistico. Bene le realtà extraalberghiere, ma occorrono regolamenti.
Rescasa temporaryhome

MILANO. Temporaryhome Un osservatorio per gli appartamenti ad uso turistico.

Nasce da un progetto di Rescasa Lombardia, associazione che dal 1977 rappresenta il settore dei residence e che, nella sua strategia di sviluppo, ha acquisito recentemente tra i propri soci diverse società attive negli affitti brevi di appartamenti, tra i quali Halldis, Rentopolis e Arcipelago Casa.

Sono 60 le strutture che Rescasa annovera nella provincia di Milano, con una capienza di 3500 unità abitative e 9000 posti letto.

La realtà milanese vede una forte e costante crescita delle strutture extralberghiere, il 47% dell’offerta ricettiva globale, ma si tratta di un dato parziale che tiene conto delle imprese attive e non include il sempre più vasto mercato degli appartamenti turistici non classificati, gestiti in forma non imprenditoriale.

Proprio in relazione a quest’ultima fascia di mercato, il Consiglio Direttivo dell’Associazione ha espresso attenzione ed interesse sul lavoro di Regione Lombardia che sta ultimando il percorso di approvazione della nuova legge sul turismo. In particolare viene apprezzato lo sforzo di fare emergere, attraverso la possibilità di gestire in forma non imprenditoriale ed occasionale le case e appartamenti per vacanze, il mercato in grande crescita degli affitti brevi.

Un mercato che, ad avviso di Rescasa, va riconosciuto ed opportunamente regolamentato anche perché diversi operatori, e tra questi tutti i suoi associati, sono dichiaratamente disponibili a versare l’imposta di soggiorno: un primo passaggio per far uscire dal limbo, e sottoporre a controlli, numerosi soggetti presenti nel mercato.

Da questo punto di vista, dichiara Raffaele Paletti, Presidente di Rescasa Lombardia ci riconosciamo nelle dichiarazioni rese recentemente dall’Assessore Mauro Parolini, il quale evidenziando che ‘solo a Milano ci sono 7 mila appartamenti che vengono affittati a scopo turistico’ ha affermato che ‘Regione Lombardia vuole renderli riconoscibili e dargli un inquadramento con regole e norme da osservare, come tutti gli altri operatori che gravitano nel settore ricettivo’.

Temporaryhome sarà inizialmente l’Osservatorio di Rescasa Lombardia, ma l’associazione promotrice intende coinvolgere altre organizzazioni del settore extralberghiero per poter fornire dati precisi e costanti sull’andamento di un mercato in progressiva espansione e presentarli nell’ambito di un Forum in programma nei prossimi mesi.

Ti potrebbe interessare anche...