Forlì – Cesena. Per comuni e unioni in arrivo fondi europei per il finanziamento di impianti pubblici per la produzione di energia da fonti rinnovabili.

Forlì – Cesena. Per comuni e unioni in arrivo fondi europei per il finanziamento di impianti pubblici per la produzione di energia da fonti rinnovabili.
Piano rurale dell'Emilia Romagna. Immagine di repertorio.

FORLI’ – CESENA. Una calda giornata di luglio per affrontare un tema ‘caldo’: in Provincia di Forlì-Cesena si è svolta in settimana un’ interessante iniziativa sul Nuovo Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2014-2020. La Regione Emilia-Romagna ha presentato la Misura 7.2.01 per il finanziamento di impianti pubblici per la produzione di energia da fonti rinnovabili.

In Provincia di Forlì-Cesena si è svolto uno dei due incontri programmati dalla Regione, l’altro si svolgerà a Parma,  per approfondire i contenuti del bando, ancora in corso di predisposizione,  con il quale la Regione Emilia-Romagna intende finanziare  la realizzazione di impianti pubblici finalizzati alla produzione di energia da fonti rinnovabili (PSR 2014/2020).

L’incontro, al quale ha partecipato un folto numero di amministratori locali e rappresentanti della Provincia di Rimini, di Ravenna e di Bologna  è stato, quindi, l’occasione per discutere e confrontarsi sulle linee operative e per raccogliere informazioni utili dal territorio. 

Si tratta di veri e propri aiuti destinati esclusivamente  ai Comuni, alle Unioni di Comuni e ad altri soggetti pubblici dei territori rurali.

La Regione mette a disposizione di questi Enti 4.080.604,00  di € a copertura totale delle spese sostenute  per la realizzazione  di  centrali con caldaie alimentate a cippato o a pellets, e di  piccoli impianti idroelettrici per la produzione di energia elettrica. E’ importante sottolineare che, per quanto riguarda le centrali con caldaie alimentate a cippato o a pellets,  il combustibile dovrà provenire esclusivamente da filiere forestali locali e gestite da imprese agricole. Il bando  sarà pubblicato  nei primi mesi del 2016: questo periodo serve per valutare, sulla base dei bisogni del proprio territorio, l’eventuale fattibilità degli interventi’.

Ti potrebbe interessare anche...