Bologna. Primo tavolo tecnico sulla Voluntary Disclosure, il rientro di capitali dall’estero. Presenti Agenzia delle Entrate, ordine commercialisti e esperti contabili della Regione.

Bologna. Primo tavolo tecnico sulla Voluntary Disclosure, il rientro di capitali dall’estero. Presenti Agenzia delle Entrate, ordine commercialisti e esperti contabili della Regione.
soldi, foto di repertorio

BOLOGNA. Gestire le questioni e le criticità inerenti alle richieste di accesso alla procedura di collaborazione volontaria per l’emersione ed il rientro di capitali detenuti all’estero e per l’emersione nazionale. E’ questo l’obiettivo del primo Tavolo Tecnico che ha avuto luogo oggi a Bologna, tra l’Agenzia delle Entrate – Direzione Regionale e gli Ordini provinciali dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili dell’Emilia-Romagna, in tema di Voluntary Disclosure.

L’incontro scaturisce dall’esigenza di trovare soluzioni condivise ed uniformi a problematiche giuridiche e tecniche di maggior rilievo derivanti dalla nuova disciplina introdotta dall’art. 1 della Legge 15 dicembre 2014, n. 186, che consente ai contribuenti che detengono attività finanziarie o patrimoniali all’estero non dichiarate al Fisco, di sanare la loro posizione, anche penale, pagando le relative imposte e le sanzioni in misura ridotta.

 

Ti potrebbe interessare anche...