Milano. Apertura straordinaria anche al mattino per la mostra ‘The last lastsupper_Leonardo’ al Grattacielo Pirelli nell’ambito dell’Expo.

Milano. Apertura straordinaria anche al mattino per la mostra ‘The last lastsupper_Leonardo’ al Grattacielo Pirelli nell’ambito dell’Expo.
The last lastsupper_leonardo

MILANO. Apertura straordinaria anche al mattino, nei giorni dal 14 al 19 luglio, della mostra THE LAST LASTSUPPER_Leonardo e la visione ritrovata, al Grattacielo Pirelli nell’ambito di Expo.

Per rispondere alle numerose richieste del pubblico la mostra sui cenacoli dall’ottocento ad oggi, dal 14 al 19 luglio viene aperta anche al mattino, con orario continuato dalle 10 alle 19 (fino alle 18 per le visite guidate). Le visite, guidate da Monica Falorni, sono gratuite e aperte alle famiglie. Consigliabile la prenotazione al 3474533447. L’ingresso è comunque libero.

Rimane aperta ancora solo due settimane la mostra THE LAST LAST SUPPER_Leonardo e la visione ritrovata, a cura di Antonio d’Avossa, ospitata nello Spazio Eventi del Grattacielo Pirelli di via Fabio Filzi 22 a Milano (http://www.regione.lombardia.it_http://www.associazioneflangini.eu) con interessanti riproduzioni ottocentesche di Stang, Morghen, Braun di proprietà dell’Accademia di Brera e del Fondo Frizzoni, conservate presso la Biblioteca dell’Accademia, e quindi raramente messe a disposizione del grande pubblico. La seconda parte della mostra comprende opere di artisti contemporanei di fama internazionale, Federico Bozzano Alliney, Philip Corner- Ben Patterson- Ben Vautier-Geoffrey Hendricks-Alison Knowles, Fabrizio Garghetti, Jiri Kolar, David La Chapelle, Elisabetta Lattanzio Illy, Brigitte Niedermair, Hermann Nitsch, Nicola Pankoff, Daniel Spoerri, Andy Warhol, Uli Weber, che hanno liberamente interpretato e rivisitato in chiave personale il tema del cenacolo ampliandone, o contestandone, i significati di comunione, condivisione e com-partecipazione, con realizzazioni qualche volta dissacranti, ma comunque suggestive.

La manifestazione, promossa dalla Regione Lombardia, in collaborazione con l’Accademia di Brera e l’Associazione Flangini, che da decenni opera nel panorama delle arti visive e nella promozione della cultura italiana anche all’estero, gode della collaborazione di RADIO DEEJAY: tra le opere esposte infatti una gigantografia della redazione di Radio DEEJAY, scattata da Uli Weber in occasione del trentennale, presenta i personaggi che hanno reso famosa la radio, da Linus, alla Littizzetto a Elio e Le Storie Tese, a molti altri artisti seduti a un tavolo ‘leonardesco’.

Tra le opere, La visione ritrovata di Federico Bozzano Alliney che, con l’ausilio delle tecniche più evolute dell’arte digitale, ha realizzato un affresco digitale in scala reale ricostruendo in modo minuzioso e scientifico l’affresco vinciano, ridando vita e ripristinando il colore originale dell’opera: così l’avremmo potuto ammirare a pochi anni dal suo completamento. Bozzano utilizza le tecniche esclusive da lui elaborate durante la lavorazione delle scenografie di Avatar di James Cameron, applicandole alla pratica di restauro di dipinti particolarmente danneggiati dal tempo.

Prestigiosi i Patrocini concessi: Expo 2015, Città Metropolitana di Milano, Comune di Milano, Distretto 33, FUORI EXPORHO, Portale Lombardi nel mondo, Fand_Associazione Saronnese Diabetici. Prezioso il contributo degli Sponsor tecnici: GRAFIC REPORT con tecnica TATTOO WALL e CIACCIO BROKER -Assicurazione per l’arte.

Ti potrebbe interessare anche...