Cesenatico. Il Pd all’attacco: ‘Ex Nuit: dopo anni di bugie è arrivata l’ora della verità. Da un intervento di rilancio della città ad un buco di 10 milioni’.

Cesenatico. Il Pd all’attacco: ‘Ex Nuit: dopo anni di bugie è arrivata l’ora della verità. Da un intervento di rilancio della città ad un buco di 10 milioni’.
Il Comune di Cesenatico. Immagine di repertorio.

CESENATICO. L’intervento del capogruppo del Partito Democratico Matteo Gozzoli.

Dopo lunghi anni di silenzi, reticenze e soprattutto numerose bugie raccontate dal Sindaco Buda, sull’accordo di programma denominato ‘Ex Nuit e parte delle colonie di Levante’ è arrivato il momento di fare chiarezza.

Sulla vicenda il primo cittadino ha perso ogni credibilità per il semplice motivo che per anni ha dichiarato in tutte le sedi che aveva ereditato un accordo pasticciato, privo di fideiussioni e che solo la sua amministrazione dopo duri sforzi ha riportato le cose in carreggiata.

La verità che (dopo alcuni mesi di attesa) abbiamo riscontrato anche sui documenti è ben diversa e merita una riflessione seria sul modo in cui l’amministrazione ha gestito un accordo di programma molto articolato e complesso che, oltre all’ormai celebre area ‘Ex Nuit’ comprendeva la riqualificazione delle ex colonie San Vigilio, Giosa e Cif oltre all’ex colonia Prealpi di Valverde destinata ad un intervento di edilizia residenziale pubblica e a svariate opere pubbliche. Nell’analisi della vicenda sono importanti le date.

L’accordo di programma in oggetto ha mosso i primi passi nel 2009 ed è stato approvato dal consiglio comunale il 13 settembre 2010, in data 20 settembre 2010 è arrivata l’approvazione della provincia. La convenzione con le prescrizioni per l’attuazione dell’accordo è stata stipulata tra Comune di Cesenatico e Fincarducci Srl in data 12 gennaio 2011.

Prima di questa data è intervenuto un fatto che nessuno ricorda, segno che sul tema prevale l’intendo di attaccare la passata amministrazione piuttosto che raccontare la verità ai cittadini. Nel gennaio 2010 – ancora prima di concludere l’accordo – in accordo con il Comune la Fincarducci si è fatta carico della riqualificazione del tratto di viale dei Mille nel tratto compreso tra via Dante e via Deledda, un intervento da 2.770,000 di euro.

Tornando alla convenzione stipulata nel 2011 essa prevedeva il rilascio, da parte di privati, delle garanzie fideiussorie a copertura degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria.

Siamo arrivati agli ormai noti 7,6 milioni di euro e alle fideiussioni lasciate scadere nei cassetti del palazzo comunale in maniera incomprensibile. Anche su questo punto è necessaria la massima chiarezza, la convenzione prevedeva il rilascio delle garanzie entro il 30 aprile 2011, eravamo a pochi giorni dal rinnovo del consiglio comunale e l’amministrazione decise di rinviare il tutto a conclusione delle elezioni. Dal giugno 2011 in poi le date e i fatti diventano meno chiari. Tra le sicurezze c’è il fatto che in data 7 luglio 2011, quindi a pochissimo dall’insediamento del Sindaco Buda, il Comune di Cesenatico ottiene le fideiussioni oggetto della convenzione. Poi dell’accordo si perdono piano piano i contatti. Sappiamo che l’anno successivo il Comune ne chiede il rinnovo ma dal 2013 c’è il black out totale fino alla primavera del 2015. Le domande sono numerose:

Nella convenzione si sottoscrive che ‘la garanzia non può essere estinta se non previo favorevole collaudo tecnico di tutte le opere di urbanizzazione’. Perché allora si sono sottoscritte fideiussioni a scadenza annuale? Perché dall’estate 2013 non sono mai più state rinnovate? Chi doveva chiederne il rinnovo?

Quali azioni e quali documenti ha prodotto l’amministrazione dal luglio 2013 alla primavera 2015? C’è un buco di un anno e mezzo nel quale non sappiamo quali azioni l’amministrazione abbia intrapreso presso la Fincarducci per tutelare le sue garanzie prima che nel dicembre 2014 fallisse il Consorzio Confidimpresa che aveva emesso le fideiussioni.

Allegata alla convenzione vi era un rigoroso crono programma che stabiliva le tempistiche di realizzazione degli interventi. All’art. 12 comma 7 della convenzione si sottoscrive che “Le garanzie per il caso di mancata attuazione degli interventi (…) potranno essere incamerate dal Comune”. Come mai una volta arenatosi l’accordo non si è intervenuti?

All’art. 6 della convenzione tra i compiti dell’amministrazione comunale si stabilisce che il Dirigente del settore Lavori Pubblici avrebbe nominato un tecnico con il compito di ‘vigilanza sui lavori’ e con il compito di segnalare al settore sviluppo del territorio la possibilità di svincolo delle fideiussioni di garanzia. L’amministrazione ha nominato questa figura? Chi è? Quali segnalazioni ha mosso in questi anni?

Dal giugno 2011 ad oggi in consiglio comunale e nelle commissioni mai una sola volta sono state discussi i termini e le condizioni dell’accordo di programma Ex Nuit.

L’amministrazione avrebbe avuto anche la possibilità eventualmente di modificare l’accordo, attraverso varianti che per legge sarebbero dovute essere approvate in consiglio comunale ma ciò non è successo. Tutto quello che è accaduto attorno a questo accordo dal giugno/luglio 2011 in poi, ci convince del fatto che – al di là della propaganda e dei soliti attacchi ai predecessori – chi era al timone del Comune in questi anni non ha governato ma ha gestito i delicati passaggi dell’accordo in un modo che definire dilettantesco è un eufemismo.

Dai primi giorni del mese di luglio il nostro gruppo consiliare ha completato la raccolta dei documenti necessari per sottoporre quanto riscontrato alla Corte dei Conti. Vogliamo capire per quale motivo l’amministrazione non ha tutelato l’interesse pubblico lasciando di fatto scadere i termini dell’accordo e non preoccupandosi di rinnovare le garanzie. Ricordiamo infine l’altro grande danno di questa operazione, ossia l’ormai definitiva perdita dei circa 3 milioni di contributo regionale per l’intervento sulla colonia Ex Prealpi. In 4 anni di amministrazione, solo su questa partita il Sindaco è riuscito nell’impresa di mandare in fumo oltre 10 milioni di interventi per la città. Complimenti!

Ti potrebbe interessare anche...