Forlì. ‘Donate sangue prima di andare in vacanza’, questo il messaggio dell’Ausl. Ecco i dati dei donatori in Romagna.

Forlì. ‘Donate sangue prima di andare in vacanza’, questo il messaggio dell’Ausl. Ecco i dati dei donatori in Romagna.
Donatori di sangue. Immagine di repertorio.

FORLI’. In occasione dell’inizio del periodo estivo, come di consueto, gli operatori e i professionisti aziendali che operano nel ‘Programma Sangue Plasma della Romagna’ hanno svolto un’attenta valutazione della capacità del sistema aziendale nel rispondere alle esigenze dei pazienti che necessitano di terapia trasfusionale, il cui numero è incrementato dai tantissimi turisti che scelgono la Romagna come meta delle loro vacanze estive.

Il sistema sangue dell’Azienda USL della Romagna, grazie alla preziosa collaborazione tra Servizi Trasfusionali e Associazioni/Federazioni di volontariato romagnole, è infatti impegnato da tempo a realizzare una programmazione della raccolta basata sulla previsione di utilizzo,   ed è preparato a rispondere alle richieste di sangue grazie alla sensibilità dimostrata dai donatori periodici che ogni anno accolgono positivamente l’invito a recarsi a donare nei mesi estivi, anche attraverso la modalità della donazione per appuntamento.

Un piccolo grande impegno di solidarietà che il Sistema Sangue rivolge anche quest’anno a tutti i donatori della Romagna, vecchi e nuovi, per rispondere al meglio alle esigenze di sangue e di emocomponenti necessari alle terapie di tutti. Ricordiamoci di andare a donare il sangue prima di andare in vacanza, o magari prima di un periodo di lavoro più impegnativo.

L’occasione può essere inoltre importante per rendere noti i principali dati di raccolta relativi ai primi cinque mesi del 2015. Sono state 23.133 le donazioni di sangue da gennaio a maggio, 228 in più rispetto allo stesso periodo del 2014 in cui le donazioni effettuate erano state 22.905. E’ aumentato anche l’utilizzo del sangue, passando dalle 20.161 unità di globuli rossi concentrati del 2014 alle 20.621 del 2015, con un consumo di 460 sacche in più. Dall’analisi di questi dati emerge un quadro complessivo che al momento non incide sull’autosufficienza romagnola, ma che non deve essere sottovalutato, in quanto l’aumento delle unità di sangue raccolto è dell’1 per cento mentre l’aumento di quello trasfuso è del 2 per cento.

Per quanto riguarda, infine, i singoli territori della Romagna i dati di raccolta sono i seguenti:  Forlì  + 6.95 % (3.369 contro 3.150), Cesena + 0.67% (4.000 unità raccolte nei primi 5 mesi 2015 ; erano 3.973 del 2014),  Rimini + 2.67% (6.630 contro 6.457), Ravenna  – 2% (9.134 contro 9.325).

Mentre per quanto riguarda i consumi territoriali: Forlì da 2.944 a 2.794 (- 5.09%), Cesena 2.955 globuli rossi concentrati contro 2.822 (+ 4.71%), Rimini 5.670 contro 5.568 (+ 1.83%), Ravenna 9.202 contro 8.827 unità nel 2014 (+ 4.24%).

Per quanto riguarda i nuovi donatori, nel 2014 sono stati 5.718 i cittadini che si sono presentati nei Punti di Raccolta con il desiderio di donare il proprio sangue e di questi sono stati sottoposti per la prima volta alla donazione in 3.998. Il territorio dell’Azienda USL della Romagna ha contato nell’anno 2014, complessivamente su 31.986 donatori periodici.

Per avere informazioni sui punti di raccolta e sulle giornate e orari di apertura è possibile consultare online i seguenti siti associativi:

AVIS provinciale Forlì:  www.avis.it/forlì

AVIS comunale Cesena: www.aviscesena.it

AVIS provinciale Rimini: www.avis.it/rimini

AVIS provinciale Ravenna: www.avis.it/ravenna

Fidas ADVS Ravenna: www.fidasravenna.it

Ti potrebbe interessare anche...