Somma Vesuviana. Torna la Festa delle Lucerne, un evento che si ripete ogni quattro anni nel borgo medioevale ai piedi del vulcano che coprì Pompei.

Somma Vesuviana. Torna la Festa delle Lucerne, un evento che si ripete ogni quattro anni nel borgo medioevale ai piedi del vulcano che coprì Pompei.
Lucerne Somma Vesuviana

NAPOLI. SOMMA VESUVIANA. Le Lucerne nel cuore della Terra Murata ( 3 – 4 – 5 Agosto)

Percorsi danteschi , scenografie , giochi di specchi, migliaia di lucerne in terracotta alimentate costantemente dall’olio e poi la grande tradizione popolare : FESTA DELLE LUCERNE 2015  che ritorna ogni 4 anni nel cuore del borgo medievale di Somma Vesuviana ai piedi del vulcano che coprì Pompei . Il 5 Agosto il canto delle donne nascoste e la Madonna della Neve .

Piccolo ( sindaco) : ‘Saremo in un borgo con più di 1000 anni storia’.

E’ un contrasto di luci , ombre , colori nei vicoli di un borgo medievale , il Casamale, dominato dal Castello costruito da Ferrante d’Aragona nel 1467 e con una cinta muraria risalente addirittura al 1300 . Per vederla  bisogna venire solo in Italia ed esattamente a Somma Vesuviana : è  la Festa delle Lucerne che si perde nelle stradine , nei cortili nobiliari del borgo antico . Un borgo che si trasforma in tutti i suoi angoli ed aspetti.  Un evento che si ripete ogni 4 anni . Siamo a poche ore dall’inizio .  Si potrà accedere attraverso le 4 porte antiche del Centro Storico

‘In questo momento il quartiere del Casamale , il borgo antico – ha affermato il sindaco di Somma Vesuviana , Pasquale Piccolo – si sta già trasformando. Nei vicoli, nei cortili nobiliari due generazioni diverse quelle degli anziani e dei giovani si stanno unendo per ricamare nel vero senso della parola i merletti e le particolari scenografie che sono molto lavorate. Nel corso dei secoli la Festa delle Lucerne è stata vista e seguita dai personaggi più importanti della cultura partenopea ed italiana, ma addirittura è stata studiata dai più grandi esperti di antropologia ed etnologia divenendo anche materia di tesi di laurea’.

Si abbasseranno le lampade elettriche del borgo e solo le migliaia di lucerne accese daranno vita ad un vero paesaggio dantesco . I vicoli si trasformeranno in veri percorsi ai confini con l’eternità e le persone saranno anime vagabonde. Un fascino unico, straordinario, spettacolare. Le Lucerne vivranno in tutti i vicoli del centro storico poggiate su figure in legno dalle varie forme geometriche : triangoli, quadrati e rombi ,tutte di terracotta , lavorate dai vasai e si manterranno grazie a tante piccole mensoline atte a reggerle su tali forme in legno sospese ad un metro da terra , distanziate tra di loro ogni due metri . In fondo ai vicoli stretti ci saranno gli specchi sui quali rifletteranno colori, immagini , luci . Un vero spettacolo , tutto da vedere. Sul grande specchio posto alla fine del percorso si rifletterà tutta la serie luminosa delle lucerne accese in prospettiva e in tal modo si prolungherà all’infinito l’effetto fantasmagorico del vicolo stesso.
Ma ci saranno le scene vive e morte . All’inizio di tali straordinarie luminarie, viene collocato un pergolato di rami di castagno e di felci sotto il quale si allestisce un tavolo apparecchiato per un banchetto. Seduti al tavolo ci sono due fantocci (raffiguranti un uomo e una donna), mentre all’inizio di altri  la scena è viva con due persone (uomini), una delle quali travestito da donna. E’ il passaggio dell’anima .

All’ingresso di altri vicoli ancora si ripercorrono con scene vive , spaccati della vita contadina di un tempo, mentre le lucerne continueranno a restare accese .

Altri segni propri della festa sono costituiti da zucche svuotate rappresentanti una testa di morto illuminata dall’interno. Ancora si notano apparati di fiori sui quali troneggia un’immagine della Madonna e infine fanno mostra delle piccole vasche con oche vive che nuotano. Il tutto sempre collocato avanti alla fuga delle figure geometriche che reggono le lucerne.
A tarda ora si procede all’accensione delle centinaia e centinaia di lucerne che poi verranno alimentate costantemente da olio secondo il prolungamento della festa notturna.  Il 5 Agosto sera sarà il momento più intenso dell’evento . La Santissima Madonna della Neve uscirà dalla chiesa del borgo antico : il Casamale . La chiesa è la Collegiata , nata nel XII secolo , il cui soffitto tutto in oro zecchino  è del ‘600.  Il popolo renderà omaggio alla Madonna , ringraziandola nell’auspicio di una nuova stagione proficua e piena di benessere .  La Madonna si fermerà sul sagrato ed a quel punto calerà un silenzio totale . Nel silenzio si eleverà dall’oscurità il canto del coro formato solo  da donne che non si vedranno ma che ci saranno . Il coro canterà dal vivo da uno dei luoghi del Borgo ma non si dovrà vedere . Nel silenzio dinanzi alla Madonna si ascolterà l’intero inno con testi originali .

‘I Beni Culturali , le tradizioni popolari possono davvero rappresentare un futuro diverso per la nostra città – ha affermato Elena Terraferma , Assessore ai Beni Culturali – e vorrei ricordare la straordinaria ricchezza di Somma Vesuviana dal nuovo sito archeologico che Suor Orsola Benincasa ed Università di Tokio stanno continuando a portare alla luce , sotto tutela della Sovrintendenza da circa un mese e che continuerà dalle notizie in nostro possesso a riservarci grandi ed importanti sorprese alle chiese che contengono un grande patrimonio storico-culturale , alla cinta muraria del Centro Storico  ed ancora dal Museo della Civiltà Contadina al Museo di Tradizioni Etnostoriche e non possiamo dimenticare il Complesso Francescano di Santa Maria del Pozzo , divenuto Sito Nazionale con il chiostro pieno di affreschi , le catacombe e le ben due chiese sotterranee . Stiamo dando inizio ad una politica , diversa , innovativa che possa essere ingrado di portare Somma Vesuviana davvero nel mondo . Ad Ottobre aderiremo al grande evento della Settimana del Pianeta Terra con ben 5 importanti appuntamenti’.

Somma a tutto campo dunque a poche ore dall’inizio di quello che è stato definito l’evento più suggestivo per le tradizioni popolari : La Festa delle Lucerne .

‘Per rivederla si dovrà aspettare l’arrivo del 2019 – ha dichiarato Luigi Coppola, Assessore agli Eventi  – e Somma si è preparata nel migliore dei modi . Ricordo che Somma Vesuviana ha ben 3 stazioni ferroviarie della Circumvesuviana direttamente collegate a Napoli ma anche collegamenti autobus in notturna con la città partenopea. Per coloro i quali potranno raggiungerci in auto basta imboccare la 162 o la 268 per uscire direttamente a Somma Vesuviana circa 800 metri dal Centro Storico . Abbiamo dato vita ad un grande lavoro di squadra per far partire una serie di eventi molto importanti che saranno in grado di inserire Somma Vesuviana in un circuito di promozione su scala internazionale. Ad Ottobre il grande appuntamento nazionale con la Settimana del Pianeta Terra con le visite al Sito Archeologico della Villa Augustea , ben 2 geoescursioni sul Monte Somma , conferenze ed eventi serali di grande impatto culturale ed emotivo’.

Fittissimo il PROGRAMMA degli eventi :

4 AGOSTO

ore 10,00 Visita guidata ‘Conosci il Borgo’ appuntamento piazzetta Collegiata

ore 17,00 Convegno ‘RADICI E SFIDE DELL’AGRICOLTURA VESUVIANA’ un contributo alla riflessione Convento Padri Trinitari via Gino Auriemma –  Somma Vesuviana

ore 18,00 ‘LE LUCERNE NELL’ARCHEOLOGIA’ a cura dell’ass.ne APOLLINE PROJECT atrio convento padri trinitari – via Ferrante D’Aragona Borgo Casamale – Somma Vesuviana

ore 18,00 Visita guidata Museo Contadino – complesso monumentale Santa Maria del Pozzo

ore 21,00 Lucerne accese nei vicoli

Mercoledì – 5 AGOSTO -   Ore 21 la SS Madonna della Neve ed il canto delle donne nascoste

ore 07,00 ‘A Rianna

ore 10,00 Santa Messa – Chiesa della Collegiata – Borgo Casamale – Somma Vesuviana

ore 18,00 ’LE LUCERNE NELL’AGRICOLTURA’ a cura dell’ass.ne APOLLINE PROJECT

ore 21,00 accensione lucerne vicoli allestiti

ore 21,20 Processione di Maria SS della Neve per le quattro porte del Borgo Casamale

 

Ti potrebbe interessare anche...