Parma. Oggi l’incontro tra il presidente della Regione Stefano Bonaccini e i Castelli del Ducato di Parma e Piacenza. Obiettivo: la firma della convezione per rilanciare i castelli.

Parma. Oggi l’incontro tra il presidente della Regione Stefano Bonaccini e i Castelli del Ducato di Parma e Piacenza. Obiettivo: la firma della convezione per rilanciare i castelli.
Rocca Sanvitale Fontanellato sede castelli ducato Parma Piacenza

PARMA. E’ atteso oggi, mercoledì 5 agosto alle 17 in Rocca Sanvitale a Fontanellato (PR), il Presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini per la firma della convenzione tra Castelli del Ducato di Parma e Piacenza e IBC Regione Emilia Romagna, protocollo d’intesa che dà il via al progetto regionale – con in seno già un respiro nazionale – ‘Castelli del Ducato di Parma e Piacenza, Castelli d’Emilia Romagna, Castelli d’Italia’.

Obiettivo del ‘progetto’ – a cui dare concretezza e operatività attraverso la convenzione sottoscritta il 5 agosto 2015 in Rocca Sanvitale a Fontanellato (PR) – è diventare capofila come ‘Castelli del Ducato‘ in Emilia Romagna con IBC Regione Emilia Romagna di una “operazione Italia” tesa a portare all’attenzione di istituzioni nazionali e tour operator nazionali e stranieri, il tema dei Castelli a livello di mainstream turistico-culturale.

Le finalità del progetto verranno illustrate oggi durante la conferenza stampa in programma nel Castello sede del Circuito che coordina, promuove e raggruppa ad oggi 24 Castelli, 14 Alloggi di Charme per 385 posti letto, 21 Comuni e parecchi monumenti e musei in rete. 

‘Crediamo in una Emilia Romagna ed in una Italia da valorizzare quale terra di Castelli meravigliosi da scoprire e visitare – spiegano il Presidente dei Castelli del ducato Conte Orazio Zanardi Landi ed il Presidente dell’IBC ER Angelo Varni in una nota congiunta – certi che i Castelli siano non soltanto luoghi scrigno, straordinarie fucine di storia, arte e cultura, ma anche una forte connotazione architettonica-storica del paesaggio: sono, oggi, quei luoghi veri in grado di generare indotto economico per il territorio’.

Nel 2015 sono entrati nella rete @CastelliDucato il Comune di Piacenza con Palazzo Farnese, il Labirinto della Masone di Franco Maria Ricci il più grande al mondo in bambù, il Museo Renata Tebaldi di Busseto, il Castello di Felino, il Castello di Castelnuovo Fogliani, il Comune di Zibello celebre per il Culatello di Zibello ed il Comune di Sissa-Trecasali dove è in corso il restauro della Rocca dei Terzi di Sissa ed il Museo Agorà Orsi Coppini di San Secondo Parmense.

La rete dei Castelli del Ducato collabora con le istituzioni del territorio tra cui: le Province, le Camere di Commercio, l’Istituto dei Beni Culturali dell’Emilia Romagna, Apt Servizi Emilia Romagna, Unioni di Prodotto (Appennino e Verde e Città d’Arte), Consorzi di tutela dell’agro-alimentare, Fiere di Piacenza (con cui è stata sottoscritta nel 2015 una convenzione) e Fiere di Parma, oltre a parecchi altri enti e fondazioni, tra le quali la Fondazione Cariparma.

Recentemente a luglio 2015, Castelli del Ducato di Parma e Piacenza ha partecipato all’iniziativa ‘Di Torre in Torre’ organizzata da IBC Regione Emilia Romagna presentando aperture speciali e straordinarie nei Castelli di Agazzano, San Pietro in Cerro, Castello Malaspina di Bobbio, Castello della Musica di Noceto, Rocca Sanvitale di Fontanellato e Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense.

Ti potrebbe interessare anche...