Cesenatico. Lalla, Palooza e gli altri Delfini di Cesenatico, incontro con Davide Gnola, curatore del libro dedicato agli amici dei turisti.

Cesenatico. Lalla, Palooza e gli altri Delfini di Cesenatico, incontro con Davide Gnola, curatore del libro dedicato agli amici dei turisti.
lalla palooza mostra manifesto

CESENATICO. Giovedì 13 agosto alle 21:30, sulla Vena Mazzarini di Cesenatico (lato viale Trento) verrà raccontata con l’aiuto di immagini e filmati d’epoca la storia di Lalla, Palooza e degli altri ‘delfini di Cesenatico’, la pionieristica esperienza dell’acquario situato proprio nella Vena Mazzarini, che agli albori degli anni ’60 fece conoscere la città romagnola in tutto il mondo. Una vicenda curiosa e appassionante, che è anche una occasione per comprendere come è cambiato il nostro rapporto con questi magnifici animali, ed una finestra per dare uno sguardo insolito a quegli anni così importanti della nostra storia. La storia dei delfini sarà raccontata da Davide Gnola, direttore del Museo della Marineria di Cesenatico, che alla vicenda dei ‘delfini di Cesenatico’ ha dedicato un libro pubblicato di recente da Minerva Edizioni.

Alla fine degli anni ’50, in Adriatico un delfino resta impigliato nelle reti di alcuni pescatori che, inspiegabilmente, anziché ucciderlo lo portano a terra rilasciandolo in un canale di Cesenatico. Fino ad allora, infatti, il rapporto tra uomini e delfini, a dispetto della mitologia che li rappresentava come amici dei naufraghi, consisteva in una cruda realtà dov’erano considerati beffardi concorrenti dei pescatori ai quali rompevano le reti e mangiavano il pescato, tanto che erano previsti premi in denaro per la loro uccisione. Tutti invece diventano amici di Lalla – era infatti una delfina – che però sopravvive poco, vittima di un maldestro rapimento ordito per scherzo, che cela tuttavia intenti pubblicitari. A Lalla segue subito una Lalla II, catturata questa volta intenzionalmente; ed è proprio lei che diventerà protagonista del famoso “matrimonio” con Palooza, un tursiope arrivato apposta dalla Florida: una formidabile operazione di comunicazione che farà conoscere dappertutto i ‘delfini di Cesenatico’. Allora nel mondo i delfinari erano infatti appena due o tre, e quella esperienza pionieristica diventa la chiave – con la perfetta regia della locale Azienda di Soggiorno – per consacrare la località romagnola come uno dei simboli della vacanza negli anni del boom. Tutto è pronto per costruire un innovativo ‘Acquario del Mare’, che però non si realizza, e saranno altre città della Riviera, con i loro nuovi delfinari, a seguire l’esempio di Cesenatico.

Lalla e Palooza muoiono per il ghiaccio nel gennaio 1963, ma nella vasca all’aperto arriveranno molti altri delfini, periodicamente rimpiazzati. I delfini restano la principale attrazione di Cesenatico per tutti gli anni ‘70, quando si manifesta però una nuova sensibilità e si approvano le prime leggi a protezione dei cetacei. Fino a quando, nel giugno 1981, si decide di liberare in mare gli ultimi due delfini, una mamma e sua figlia, visibilmente sofferenti nelle acque della Vena Mazzarini.

‘I delfini di Cesenatico hanno una storia. Sembra una storia buffa, ma è una cosa seria; talvolta può risultare gaia, talvolta triste e patetica. Non prendetela alla leggera.’ – così scriveva già ‘La Stampa’ nel 1964. Ed è vero: la storia dei “delfini di Cesenatico” è piena di magia e contraddizioni; appartiene alla memoria e alla nostalgia di una intera comunità, ed è anche una finestra attraverso cui guardare quegli anni così importanti della nostra vita, nei quali – come disse uno dei protagonisti della vicenda – “la primavera era arrivata in Italia’.

La serata avrà inizio alle ore 21:30 nel tratto terminale della Vena Mazzarini dal lato di viale Trento, vale a dire proprio nel luogo nel quale era situato un tempo l’acquario dei delfini. L’appuntamento fa parte della rassegna Ribalta d’Autore, realizzato in collaborazione con Minerva Edizioni.

Ti potrebbe interessare anche...