Modena. Beppe Zagaglia ospite ai giardini del gusto per ricordare le serate in città nei decenni passati e confrontarle con quelle attuali.

Modena. Beppe Zagaglia ospite ai giardini del gusto per ricordare le serate in città nei decenni passati e confrontarle con quelle attuali.
Modena giardini della arti

MODENA. Com’erano un tempo le serate modenesi? E quelle di oggi? Come sono cambiati i luoghi cittadini d’incontro e aggregazione? ‘Incuntreres a Modna prèma ed mezanòt’, appunto, è il tema scelto da Beppe Zagaglia – sul main stage dei Giardini Ducali di Modena questa sera alle 21.30 – per dipanare i ricordi geminiani in occasione del Ferragosto. Beppe, Zagaglia è laureato in medicina e attivo in ambito fotografico dalla metà degli anni Cinquanta: la sua ricerca poetica ed estetica ha come soggetti i bambini, le amate barche a vela, gli scorci costieri, i giochi di luce, le ombre e la ritrattistica, ma i filoni principali rimangono la fotografia di viaggio e soprattutto, il ‘mondo modenese’, verso cui stringe un forte legame sentimentale e culturale. Attraverso gli scorci del centro cittadino, le vedute degli edifici, delle persone, e in generale le situazioni che attorno ad essi si generano tanto nella quotidianità quanto nell’evento pubblico, la fotografia di Zagaglia si affina nella restituzione di un’atmosfera dei luoghi palpabile ed emotivamente coinvolgente.

Ti potrebbe interessare anche...