Rimini. Successo per il primo dei concerti sinfonici della 66esima Sagra Musicale Malatestiana. Protagonista la musica del cinema italiano.

Rimini. Successo per il primo dei concerti sinfonici della 66esima Sagra Musicale Malatestiana. Protagonista la musica del cinema italiano.
Sagra Musicale Malatestiana Rimini

RIMINI. Un Auditorium gremito ed entusiasta domenica sera per il primo dei concerti sinfonici della 66esima Sagra Musicale Malatestiana di Rimini. Un’inaugurazione che ha proposto il connubio tra la musica, il cinema e l’animazione, grazie allo spettacolo ‘La Dolce Vita. La musica del cinema italiano’, realizzato in collaborazione con la Fondazione Meeting per l’amicizia dei popoli. Un omaggio a film che con le loro musiche hanno fatto la storia del grande schermo: molti di Federico Fellini (8 ½, La Dolce Vita, Amarcord, La città delle donne, Giulietta degli spiriti), e ancora tra gli altri Il Postino, il Gattopardo, Nuovo Cinema Paradiso e La Vita è Bella. I nuovi arrangiamenti e orchestrazioni sono di William Ross affidati alla Filarmonica Arturo Toscanini diretta da Steven Mercurio, vero e proprio padrone di casa sul palco dell’Auditorium.

morgan Sagra Musicale Malatestiana Rimini

Applauditissimi anche i solisti d’eccezione che si sono alternati al fianco del Maestro, da Alice, voce di “Your Love” (Ennio Morricone, dal film C’era una volta il West) a Morgan, due volte sul palco prima per esibirsi al piano “Possible Back home someday” e sul tema “Geppetto” da Le Avventure di Pinocchio. Emozioni con Tosca, interprete di “Buongiorno principessa” dal film “La vita è bella” e con il violino di Andrea Obiso, protagonista di una suite dal film “Anonimo Veneziano” e della sempre struggente “Se” tema del film Nuovo Cinema Paradiso. Tra gli ospiti anche Raphael Gualazzi, autore di un’improvvisazione al piano sul tema di Amarcord e  Federico Paciotti, che ha interpretato “Non penso a te” brano musicato da Ennio Morricone e tratto dal film “Incontro”. Solisti che non hanno oscurato l’Orchestra Filarmonica Arturo Toscanini, che ha regalato un fuori programma con “The parade of Chariotters” dal film “Ben Hur”, “un omaggio – ha spiegato il Maestro – a Cinecittà”.  Gran finale affidato alla musica di Luis Bacalov, con Obiso, Tosca e Paciotti per il brano “Mi mancherai”, tratto da “Il Postino”.

Lo spettacolo, diretto da Giampiero Solari, è stato arricchito dalle immagini originali create da Giuseppe Ragazzini, che richiamavano, attraverso la musica, le storie dei vari film e i diversi stati emotivi che suscitano.

Il prossimo appuntamento con i concerti sinfonici invece è in programma il 3 settembre con la prestigiosissima bacchetta di Daniel Harding, chiamato a dirigere l’Orchestra Filarmonica della Scala con un programma aperto da The Unanswered Question composto da Charles Ives, pioniere della musica statunitense e dedicato poi all’esecuzione della Quinta Sinfonia di Gustav Mahler.

Ti potrebbe interessare anche...