Rimini. Nuova illuminazione per l’area della stazione ferroviaria e sul percorso che porta al mare passando per il sottopasso di Viale Principe Amedeo.

Rimini. Nuova illuminazione per l’area della stazione ferroviaria e sul percorso che porta al mare passando per il sottopasso di Viale Principe Amedeo.
Stazione treni Rimini. Immagine di repertorio

RIMINI. Si è conclusa la fase di realizzazione del nuovo impianto dell’illuminazione pubblica nell’area della Stazione. Un intervento in un’area strategica della città che ha avuto inizio con la realizzazione della nuova rotatoria viale Dante – Roma per proseguire, oltre che sul nuovo disimpegno viario (compresa l’area fermata Bus antistante), su viale Cesare Battisti.

Nuova illuminazione anche sul marciapiede mare, il percorso privilegiato per cittadini e turisti che dalla Stazione raggiungono la zona mare utilizzando il sottopasso di viale Principe Amedeo. Contestualmente è stato rinnovato anche l’impianto di illuminazione pubblica nei giardini della Stazione, dove sono stati rimossi i vecchi apparecchi illuminati sostituiti con nuovi lampioni d’arredo “Lampara” in analogia allo stile rappresentativo del centro storico. In totale sono stati quindi 62 i lampioni di nuova tecnologia interessati dall’intervento.

‘Un intervento importante – ha commentato l’assessore alle Aiitività economiche e alla Sicurezza Jamil Sadegholvaad – perché non solo parte dell’intervento complessivo che, con uno sforzo con pochi precedenti, grazie alla convenzione con Enel Sole ci sta vedendo rinnovare l’illuminazione pubblica della città, ma che, accanto a risultati importanti sia tecnologicamente che di qualità urbana, contribuisce concretamente alla sicurezza. Non è un mistero, infatti, che l’area dell’intervento sia, come in un po’ tutte le aree simili delle città italiane, delicata e che quindi necessiti di un’attenzione adeguata. Ecco, con questo intervento, aumentando quantità e qualità dell’illuminazione, noi contribuiamo ad aumentare il livello di sicurezza dei nostri cittadini e a facilitare nel contempo l’operato delle nostre forze dell’ordine’.

I nuovi lampioni sono equipaggiati con lampada Mastercolour a luce bianca calda che risalta la cromaticità dell’ambiente urbano circostante nonché di un sistema di telecontrollo ‘punto-punto’ che permette di modulare l’intensità della luce, su ogni singolo lampione, a seconda delle esigenze e nell’ottica di una razionalizzazione dei consumi a favore del risparmio energetico.

L’ultimo step previsto dai lavori è l’intervento di fronte alla chiesa di San Nicolò che si concluderà con la realizzazione della nuova rotatoria, parte del progetto ‘Fila Dritto’ in programma.

 

Ti potrebbe interessare anche...