Unione Bassa Romagna. Al Compagnoni si è svolto un convegno sull’alternanza scuola lavoro. Il lavoro comune porterò risultati.

Unione Bassa Romagna. Al Compagnoni si è svolto un convegno sull’alternanza scuola lavoro. Il lavoro comune porterò risultati.
Convegno alternanza scuola-lavoro, ITC Compagnoni, Lugo

UNIONE. Si è svolto ieri mattina nell’aula magna dell’istituto tecnico commerciale ‘Giuseppe Compagnoni’ di Lugo il convegno ‘Verso un nuovo modello di alternanza scuola-lavoro‘.

L’apertura dei lavori è stata affidata a Milla Lacchini, dirigente scolastica dell’istituto ospitante. Successivamente, sono intervenuti Luca Piovaccari, presidente dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, Simonetta Zalambani, assessora alle Attività produttive del Comune di Lugo, e Agostina Melucci, dirigente dell’Ufficio scolastico territoriale di Ravenna.

‘Questa è un’occasione importante di confronto – ha dichiarato Luca Piovaccari -. Come amministratori ci siamo resi conto che oggi è, se possibile, ancora più importante che in passato che il mondo della scuola e del lavoro dialoghino. Troppo spesso capita che i ragazzi del nostro territorio vadano a fare esperienza fuori, spesso perché non sono al corrente delle opportunità che il territorio stesso offre. Il 17 di settembre alle 18 inaugureremo il primo FabLab della Bassa Romagna, un luogo dove i ragazzi potranno tradurre operativamente progetti e creare prototipi attraverso lo stampaggio 3D. Come Amministrazione ci poniamo l’obiettivo in primis di sfruttare gli strumenti che abbiamo (Centuria, incubatori, eccetera) a disposizione’.

‘La fase di incontro tra la scuola e l’impresa presenta anche delle difficoltà logistiche che dobbiamo superare – ha sottolineato Simonetta Zalambani -. È necessario perseguire il modello del ‘fare insieme’, per massimizzare i risultati’.

‘Esprimo grande apprezzamento per questa iniziativa, che mira a rafforzare e favorire ulteriormente il legame proficuo tra la scuola e il mondo del lavoro e la ricerca – ha aggiunto Agostina Melucci -. C’è un rinnovato impulso su questo importante tema. Quello che abbiamo guadagnato in questi territori è che queste attività non sono più sporadiche. Il banco dello studente e il banco della situazione lavorativa si incontrano migliorando i livelli motivazionali dei ragazzi, ma anche del mondo del lavoro: un circuito importante e costante tra il conoscere e il fare, una scuola concepita per il lavoro’.

Ti potrebbe interessare anche...