Riolo Terme. Nuovo appuntamento con la festa della saba e della salvia nel centro storico cittadino.

Riolo Terme. Nuovo appuntamento con la festa della saba e della salvia nel centro storico cittadino.
Tisana alla salvia. Immagine di repertorio

RIOLO TERME.  È di scena la ‘Giornata della salvia e della saba’. Domenica 18 ottobre a Riolo Terme dalle 10 nel centro storico della città d’acque verrà aperto il mercatino con prodotti locali mentre nel pomeriggio intrattenimento musicale rallegrerà la giornata.

A mezzogiorno sarà aperto al pubblico lo stand della Pro loco nel parco Pertini che per l’occasione preparerà menù tipici a base di salvia, mentre per le vie del corso sarà possibile gustare la ficattola (pizza fritta tipica locale), topini di salvia, polenta fritta e sabadoni (biscotti ripieni conditi con saba)

La Salvia è una pianta della famiglia delle labiate, alla quale appartengono anche il rosmarino, l’origano, la santoreggia, il timo e la melissa. Il suo nome deriva dal latino Salus salute o Salvus sano. La Saba (in origine ‘sapa’) si ricava facendo bollire lentamente il mosto d’uva, per molte ore, fino a ridurre di due terzi circa la quantità di liquido, ottenendo un tipico sciroppo di colore scuro e di gradevole gusto ed aroma. In Romagna è stata da sempre usata per arricchire e dare maggiore gusto a svariati alimenti: frutta, pane, polenta, fagioli, tortelli dolci ripieni: prima veniva amalgamata all’impasto, poi cosparsa sulla superfice; i bambini la mescolavano alla neve appena caduta, improvvisando dei sorbetti; con la Saba si ricava una ricca e saporita marmellata e Savor.

Ti potrebbe interessare anche...