Ravenna. Calcio. La doppietta del ritrovato capitan Innocenti non basta per sfatare il tabù della Sammaurese.

Ravenna. Calcio. La doppietta del ritrovato capitan Innocenti non basta per sfatare il tabù della Sammaurese.
Capitano Innocenti Ravenna calcio

RAVENNA. La prima volta, al sesto tentativo, in cui il Ravenna riesce a segnare alla sua bestia nera, la Sammaurese, non basta ad evitare un’altra sconfitta (e sono 5 appunto in sei derby), che interrompe la serie positiva di quattro gare. La doppietta di capitan Innocenti, tornato al gol dopo 5 mesi (non segnava dal 17 maggio 2015 nell’andata della semifinale playoff con la Sanmichelese), si rivela inutile per i giallorossi, che pagano ancora una volta un conto salato agli errori individuali e alle ingenuità, finendo per perdere una partita che si era incanalata sui binari di un equo pareggio.

Al primo affondo la Sammaurese passa: sugli sviluppi di un angolo battuto da Simoncelli, si origina un’azione che vede Scarponi andare al cross per Sampò che prende di testa il tempo a Iglio e lo batte in uscita. E’ il 12’. Ma la reazione dei ragazzi di Marsili è immediata: al 16’ cross dalla tre-quarti destra di Atzori per Ballardini che, al limite dei sedici metri, colpisce di testa trovando la traversa. Il conto dei legni si pareggia al 27’ con una conclusione dal limite di Gaiani, alzata da un difensore ospite nel mucchio. E anche il conto delle reti si pareggia proprio allo scadere del primo tempo: pennellata di Leonardo e Innocenti, con un tuffo a pelo d’erba, trova l’angolino fuori dalla portata di Stimac.

La ripresa vede il Ravenna più propositivo e in pressione e la Sammaurese pronta a colpire in contropiede, come al 6’ quando Scarponi si fa metà campo, salta un paio di avversari e poi stanga su Iglio, bravo a bloccare a terra. Passano i minuti e quando sulla partita si allunga l’ombra del pari, ecco al 28’ il fallo, poco dentro l’area ravennate, su Traini. Dal dischetto Bonandi non perdona. Lo stesso numero 10 della Sammaurese diventa protagonista al 38’ quando affetta la metà campo ravennate e serve un bel pallone a Simoncelli: destro a girare e gol del 3-1. Il forcing rabbioso del Ravenna si concretizza al 45’ con il rigore concesso per un fallo di mano in area di Bassani – trasforma Innocenti con l’aiuto del palo – e potrebbe due minuti dopo tradursi nell’incredibile 3-3 ma Stimac compie un vero miracolo sull’incornata ravvicinata di Innocenti.

‘Ciò che continua a succedere è un dato di fatto oggettivo – è il commento a fine gara di mister Marsili -. Anche questa volta abbiamo regalato i gol e determinate situazioni che poi paghiamo caro. Rispetto all’inizio del campionato, abbiamo migliorato le prestazioni, stiamo segnando con una certa facilità ma continuiamo a commettere troppi errori che vanificano quanto di buono fatto. Così, da questi due scontri diretti per la salvezza con Bellaria e Sammaurese, per come si sono sviluppati, potevamo tranquillamente raccogliere quattro punti e invece ce ne resta in casa solo uno’.

 

 

 

 

 

 

Il tabellino della gara

 

SAMMAURESE-RAVENNA 3-2

 

SAMMAURESE: Stimac, Pesaresi, Brolli (13’ pt Gaiani), Rosini, Bassani, Sampò, Scarponi, Diallo (43’ st Solinas), Traini, Bonandi, Simoncelli. A disp.: Pantarotto, Morri, Monti, Antonelli, Pieri, Antunes, Camillini. All.: Protti.

RAVENNA: Iglio, Atzori, Leonardo, Righini, Antoniacci (40’ st Caidi), Mandorlini, Guagneli (33’ st Mantovani), Ballardini, Innocenti, Ambrogetti, Radoi (27′ st Petrascu). A disp.: Marendon,  Del Mastio, Battiloro, Xeka, Maini, Magri. All.: Marsili.

ARBITRO: Turchet di Pordenone.

RETI: 12’ pt Sampò, 45′ pt Innocenti, 29′ st rig. Bonandi, 38′ st Simoncelli, 45’ st rig. Innocenti.
NOTE: Ammoniti: Antoniacci, Pesaresi, Traini, Ballardini, Guagneli, Innocenti, Scarponi, Leonardo, Caidi. Spettatori circa 500. Angoli: 2-3. recupero: 2’ e 4’.

Ti potrebbe interessare anche...