Cervia. Nuovi reperti archeologici ricostruiscono l’ambiente costiero e l’economia della città. Un incontro per saperne di più.

Cervia. Nuovi reperti archeologici ricostruiscono l’ambiente costiero e l’economia della città. Un incontro per saperne di più.
vecchie saline cervia

CERVIA. L’appuntamento è al SABATO 24 OTTOBRE al Magazzino del Sale ‘Torre’ in Via Nazario Sauro, 24 Cervia (RA).

Antiche saline o allevamento ittico? Studi più approfonditi chiariranno datazione, utilizzo e morfologia del vasto sito produttivo venuto in luce alla periferia meridionale di Cervia, tra Pinarella e Tagliata. Ma già adesso gli archeologi della Soprintendenza guardano con grande interesse a quanto emerso dagli scavi, una scoperta importante che potrà aiutare a ricostruire l’ambiente costiero e l’economia di Cervia in età romana.

Per questo sabato 24 ottobre, alle ore 10, Comune di Cervia e Soprintendenza Archeologia dell’Emilia-Romagna promuovono al Magazzino del Sale un incontro aperto a tutti per parlare degli scavi e dei rinvenimenti ma anche per sfatare il pregiudizio che vuole la tutela archeologica ‘nemica’ della pianificazione e dello sviluppo edilizio

Questo il programma:

Ore 10,00 - Saluti del Sindaco di Cervia Luca Coffari

Introduzione di Roberto Buonafede, Dirigente del Settore Lavori Pubblici del Comune di Cervia

Ore 10,15  -  Piero Flamigni, Direttore dei lavori

Presentazione del cantiere e stato di realizzazione dell’opera

Ore 10,30  -  Chiara Guarnieri, archeologa della Soprintendenza Archeologia dell’Emilia Romagna

Il ruolo della Soprintendenza Archeologia nella gestione e nella trasformazione del territorio

Ore 10,45  -  Giovanna Montevecchi, archeologa collaboratrice della Soprintendenza Archeologia dell’Emilia Romagna

Conoscenza e valorizazione del territorio cervese: dalla carta di potenziale archeologico all’esposizione al MUSA

Ore 11,00  -  Corrado Caporali, archeologo assistente agli scavi archeologici

Il lavoro dell’archeologo all’interno di un cantiere: lo scavo e la documentazione

Ore 11,15  -  Chiara Guarnieri, archeologa della Soprintendenza Archeologia dell’Emilia Romagna

Nuove scoperte archeologiche nel cantiere. 

Gli scavi hanno rinvenuto l’antica linea di costa di età romana e, a monte di questa, una zona di barene (terreni di forma tabulare tipici delle lagune, periodicamente sommersi dalle maree) in cui l’acqua dolce incontrava la salmastra. In quest’area sono venute in luce una serie di articolate strutture in legno costituite da palizzate e steccati che formano una serie di aree di contenimento separate tra loro da un sistema di chiuse, il tutto realizzato totalmente in legno.

Le zone erano collegate tra loro da stradelli in sabbia, argilla e pezzame laterizio e da passerelle in legno; nelle parti più alte del terreno, sono state trovate anche tre sepolture, di cui una dotata di una stuoia in fibra vegetale.

Si trattava certamente di un sito produttivo di cui però è ancora tutta da scoprire la precisa vocazione economica: potrebbe trattarsi di un allevamento di pesce così come di saline.

Le strutture sono databili attorno al I sec. d.C. anche se le future analisi al Carbonio14 potranno fornire una datazione più circostanziata. A queste si aggiungeranno analisi paleobotaniche sui macroresti e i pollini oltre all’individuazione delle essenze lignee utilizzate.

E’ in previsione la musealizzazione di parte delle strutture rinvenute presso il Museo MUSA di Cervia.

L’incontro, promosso dal Comune di Cervia d’intesa con la Soprintendenza Archeologia dell’Emilia-Romagna, rientra nella terza edizione della Settimana della Trasparenza organizzata dall’amministrazione dal 20 al 24 ottobre

 

 

Ti potrebbe interessare anche...