Bassa Romagna. Unione. Polizia Municipale. Controlli sulle strade, in troppi senza cinture e sistemi di sicurezza per i bambini.

Bassa Romagna. Unione. Polizia Municipale. Controlli sulle strade, in troppi senza cinture e sistemi di sicurezza per i bambini.
Polizia municipale Bassa Romagna

BASSA ROMAGNA. Martedì 20 ottobre, dalle 7.30 del mattino all’una di notte tutte le polizie locali della provincia di Ravenna hanno effettuato una giornata mirata ai controlli stradali.  In particolare, nel mirino degli agenti tutte le condotte di guida irresponsabili che più mettono a repentaglio la sicurezza sulle strade: l’attività di prevenzione e repressione è stata concentrata sul mancato uso delle cinture di sicurezza e sistemi di ritenuta.

Anche la Polizia municipale della Bassa Romagna ha partecipato all’operazione, impiegando 22 agenti che hanno effettuato in totale 123 controlli, da cui sono emerse 6 violazioni per mancato uso della cintura e 9 violazioni di altro tipo.

‘Queste operazioni sono di fondamentale importanza per la sicurezza stradale – ha dichiarato il sindaco referente Daniele Bassi -. Spesso il cittadino si sofferma a pensare al fastidio per la multa ricevuta, omettendo però un esame di coscienza sulla propria condotta. Le sanzioni sono a volte uno strumento fondamentale per reprimere abitudini sbagliate e dannose per sé stessi e per gli altri, come il mancato allacciamento delle cinture di sicurezza o l’utilizzo del cellulare alla guida. Ricordiamoci però che quando siamo al volante, la disattenzione può costare la vita a noi e al prossimo: questa responsabilità non può trovare giustificazioni in chi non rispetta il codice della strada quando si tratta di sicurezza. Ringrazio i nostri agenti per il lavoro svolto e per l’attenzione con cui corrispondono alle esigenze di crescita del senso civico di ognuno di noi. È un impegno importante anche dal punto di vista culturale’.

In totale, a livello provinciale, sono 637 i veicoli controllati e 649 le persone identificate; sono state invece 102 le violazioni accertate. Nel dettaglio oltre cinquantacinque proprio per omesso uso delle cinture di sicurezza, sei per utilizzo del cellulare durante la marcia, sei per omessa revisione, due per mancanza dei documenti di circolazione e di guida, uno per patente scaduta di validità e due violazioni per velocità non adeguata (una delle quali per superamento dei limiti di velocità di quasi 30km/h, con ausilio di strumentazione Telelaser).

Il servizio ha interessato personale appartenente a tutti i Comuni ravennati e alla Provincia, nell’ambito di un intensificato coordinamento, già da tempo avviato, nella prospettiva di un rafforzamento delle politiche integrate di sicurezza.

 

Ti potrebbe interessare anche...