Faenza. La chiesa di Formellino, da poco restaurata, diventa tappa del nuovo itinerario della Pro Loco.

Faenza. La chiesa di Formellino, da poco restaurata, diventa tappa del nuovo itinerario della Pro Loco.
pro loco faenza

FAENZA.  Il prossimo appuntamento in calendario delle visite guidate autunnali della Pro Loco – sabato 24 ottobre – porterà i partecipanti ad ammirare la settecentesca chiesa di Formellino, messa a nuovo a seguito di un importante intervento di restauro conclusosi un paio di mesi fa.

I lavori, condotti dall’architetto Paolo Rava su incarico della parrocchia, hanno riportato alla luce piacevoli scoperte e sorprese.

La chiesa di Formellino, come molte altre della campagna faentina, è di origini medievali, ma fu ristrutturata radicalmente nel ’700 da Raffaele Campidori o dal figlio Gianbattista (l’opera dei due spesso si sovrappone) con uno stile barocco, caratterizzato però da sobrietà, equilibrio e profusioni decorative limitate a certe parti architettoniche (tipicamente capitelli e cornici che corrono su tutta la parete).

La maggior sorpresa emersa dai recenti restauri è legata probabilmente all’altare maggiore, bellissimo, in marmi preziosi e policromi (dal giallo al blu) intarsiati fra loro.

Questo manufatto, che ci aspetteremo in una raffinata chiesa di città più che in una di campagna, proviene in effetti dalla grande chiesa faentina di San Domenico, che, in occasione dei restauri della chiesa di Formellino, rinnovò completamente anche i suoi arredi e cedette a Formellino questo gioiello, opera di sconosciuti ma abilissimi artigiani.

Fra i dipinti si segnala quello in fondo al presbiterio, attribuito al non comune pittore Francesco Bosi, detto il ‘Gobbino dei Sinibaldi’, caratterizzato da un linguaggio popolaresco ma molto espressivo.

La visita si soffermerà anche sui caratteri ambientali e paesaggistici di questa porzione di territorio, caratterizzata da campagne ancora tradizionali (vigneti, frutteti, seminativi), in fregio al Lamone e con alcuni alberi monumentali (un tasso, due pini) che fanno da cornice naturale alla chiesa.

Anche per apprezzare maggiormente questi aspetti, la Pro Loco propone a tutti di partecipare alla visita in bicicletta.

La visita sarà preceduta da un breve concerto di fisarmonica, organizzato in collaborazione con il maestro Aurelio Samorì.  Ritrovo alle ore 14.30 alla Pro Loco (Voltone Molinella), in bicicletta oppure, alle ore 15.00, con mezzi propri sul posto. Prenotazioni obbligatorie. Per informazioni e prenotazioni: Pro Loco Faenza (Voltone Molinella 2 – tel. 0546 25231; e-mail:  info@prolocofaenza.it – sito web: www.prolocofaenza.it).

Ti potrebbe interessare anche...