Ravenna. Mail false: Hera mette in guardia i cittadini. Non fornire i propri dati, nessun rimborso con carta di credito.

Ravenna. Mail false: Hera mette in guardia i cittadini. Non fornire i propri dati, nessun rimborso con carta di credito.
Consigli per evitare le truffe. Immagine di repertorio.

RAVENNA. Hera informa i cittadini che nelle ultime ore stanno circolando email fraudolente, apparentemente inviate dalle società del Gruppo, che invitano i clienti a fornire i propri dati.

Nello specifico, in tali comunicazioni si fa riferimento al diritto a ricevere un rimborso fiscale da Hera e, per richiederlo, i clienti devono cliccare su un link e compilare un modulo con i dati della loro carta di credito.

Si sottolinea che queste comunicazioni sono false: Hera, infatti, non dà la possibilità ai propri clienti di ottenere rimborsi attraverso carta di credito per nessuno dei servizi gestiti.

L’unico caso in cui viene richiesta la carta di credito è quando il cliente decide di pagare spontaneamente una bolletta attraverso i servizi on-line, ma deve comunque essersi pre-registrato e avere un proprio profilo con username e password.

Queste email fraudolente rappresentano dunque un caso di phishing (è un tipo di  truffa effettuata su Internet attraverso la quale un malintenzionato cerca di ingannare la vittima convincendola a fornire informazioni personali, dati finanziari o codici di accesso) che mira a truffare i cittadini: l’azienda sta facendo tutto il possibile per tutelare i propri clienti, comprese denunce presso la Polizia Postale.

Si invitano in ogni caso gli utenti che dovessero ricevere email di questo tipo a non eseguire nessuna delle azioni indicate e a inviare la segnalazione alle autorità competenti.

I clienti del Gruppo Hera per eventuali dubbi sulla loro posizione possono sempre contattare il Servizio Clienti al numero verde Hera 800.999.500, gratuito da fisso (da cellulare 199.199.500, a pagamento), attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 22, sabato dalle 8 alle 18.

Ti potrebbe interessare anche...