Faenza. Vite all’incrocio. Una tavola rotonda per il recupero delle vecchie varietà locali di produzioni vitivinicole.

Faenza. Vite all’incrocio. Una tavola rotonda per il recupero delle vecchie varietà locali di produzioni vitivinicole.
Il vino, dalla vite alla tavola. Immagine di repertorio.

FAENZA. Tolleranze e resistenze per nutrire a basso impatto ambientale: ‘vite’… all’incrocio

Dopo anni di tecnica e tecnologia per migliorare e caratterizzare le nostre produzioni vitivinicole tradizionali, dopo il recupero delle vecchie varietà locali, ora è il momento della ‘varietà resistenti’, e ….. non chiamatele ‘ibridi’. C’è interesse, c’è curiosità e, come spesso accade davanti al nuovo, c’è confusione e preoccupazione. Per evitare di farci coglie impreparati e per acquisire tutti gli elementi di giudizio necessari per fare scelte consapevoli ed evitare ulteriori problemi ad un settore, come quello vitivinicolo, estremamente importante ma al contempo complesso, è bene parlarne.

L’incontro che si propone per il prossimo mese di ottobre intende fare una valutazione dello stato dell’arte nell’ambito dei vitigni resistenti da incrocio e capire cosa si può e si deve fare in Emilia-Romagna per fornire ai produttori locali informazioni in merito.

Il trasferimento dell’innovazione tal quale non sempre è produttivo e un minimo di valutazione in un contesto differente rispetto a quello in cui è stata creata è doveroso e necessario.

Moderatore Antonio Venturi 

Chi li produce 

Alexander Morandell Wineplant

Ermanno Murari – Vivai Cooperativi di Rauscedo

Chi li ha sperimentati o intende sperimentarli

Emanuele Tosi – Provincia di Verona

Filippetti Ilaria, Università di Bologna e/o Istituto Garibaldi di Cesena

Il parere dei patologi su resistenze e tolleranze

Elena Baraldi e Marina Collina – Università di Bologna

Il punto di vista del Ministero 

Paolo Giorgetti – Ministero delle Politiche agricole e forestali

Il punto di vista della Regione Emilia-Romagna 

Franco Foschi – Responsabile del Servizio Sviluppo Regione Emilia-Romagna

Si ipotizzava di organizzare l’incontro dei relatori il venerdì 30 ottobre:

incontro tra i relatori e i tecnici di settore tra le ore 11 e le ore 12 a Tebano con visita alla struttura e pranzo di lavoro presso il Polo di Tebano.

Invitati (max 20-25 persone): alcuni agricoltori/tecnici locali di spicco, per raccogliere pareri in merito all’argomento (es. Crociani, Tisselli, Simoni, Nigro, Carnemolla, Francesconi, Babini, Zinzani, Zama, Nannetti, Dalmonte, Confagricoltura, CIA, Coldiretti, ecc.).

Aperitivo e pranzo veloce per poi intrattenersi nel pomeriggio per un confronto tra addetti ai lavori e trarre elementi utili per future attività in merito.

14,30-16,30 Tavola rotonda ristretta guidata da CRPV 

17,30-19,30 / Oppure ore 20,30-22,30 Convegno c/o Sala Zanelli 

Cena con i relatori e sistemazione in hotel dei relatori che pernottano

Organizzazione evento: Claudia Lugli di BluNautilus-Centro Fieristico di Faenza

La Regione si preoccuperà tramite APT di supportare l’ospitalità per i relatori e gli intervenuti alla Tavola rotonda

I vari enti del Polo possono contribuire alla divulgazione dell’evento

Ti potrebbe interessare anche...