Riccione. La città ha presentato alla Triennale di Milano un progetto di mobilità sostenibile per valorizzare il territorio.

Riccione. La città ha presentato alla Triennale di Milano un progetto di mobilità sostenibile per valorizzare il territorio.
ex polveriera Riccione progetto mobilità

RICCIONE. Il comune di Riccione si presenta alla 12esima edizione di Urbanpromo, partita oggi alla Triennale di Milano, con ‘Le linee dell’acqua, progetto di mobilità ecosostenibile per la nuova green economy e valorizzazione del territorio’ nell’ambito del convegno dal titolo L’innovazione corre lungo la via Emilia.

Ad Urbanpromo, evento nazionale di riferimento per il marketing urbano e territoriale, erano presenti il sindaco Renata Tosi e l’assessore all’Urbanistica Roberto Cesarini, il sindaco di Coriano Domenica Spinelli ed il suo assessore all’ambiente Michele Morri per l’esposizione del progetto che coinvolge, oltre al comune di Riccione, ente capofila, anche il Comune di Coriano e l’Università degli Studi della Repubblica di San Marino.

Il progetto si rifà agli antichi tracciati viari che in passato si sviluppavano lungo i fiumi e i torrenti per poi raggiungere borghi e fortificazioni. Sulla base di questo assunto si intende mettere a sistema un territorio attraverso la realizzazione di percorsi ciclopedonali e carrabili. Un percorso che partendo da Riccione, zona Marano si snoda fino a San Marino passando per il Coriano. Si parte dalla ex colonie marina Adriatica per poi procedere con interventi di rinaturalizzazione del fiume Marano fino a raggiungere la ex polveriera che, con un attento processo di recupero, potrà ospitare spazi didattici sul tema dell’acqua. Da qui si proseguirà fino alle colline di Coriano ed al suo circuito enogastronomico per concludere il percorso nella storica Repubblica di San Marino. Lungo il tragitto il visitatore, a piedi o in bicicletta, potrà soffermarsi in  diversi punti di aggregazione naturalistici e storici.

Su un totale di piste ciclopedonali di 98 km a copertura dei territori di Riccione e Coriano, 25 sono già presenti sul territorio ed in buono stato, un tratto ex novo di 16 km verrà realizzato lungo il fiume Marano mentre un percorso di 57 km verrà adeguato e migliorato.

‘In questa prima ed eccezionale vetrina di presentazione alla Triennale di Milano – ha dichiarato il Sindaco Renata Tosi – il Comune di Riccione, oltre a presentare in anteprima un progetto di indubbia valorizzazione del nostro territorio, lancia la sfida di recuperare le nostre radici ed il nostro passato in un’ottica di riscoperta e migliore fruizione delle nostre bellezze paesaggistiche. Grazie a questo progetto elaborato a più mani -  conclude Tosi – si riqualifica l’ambiente senza limiti territoriali mettendo a sistema, al contempo, le peculiarità di diversi territori’.

‘Con questi interventi di miglioramento e risanamento ambientale, a partire dai percorsi ciclopedonali e dalla riqualificazione dei corsi d’acqua nella zona Marano – ha spiegato l’assessore all’Urbanistica Cesarini – mettiamo a sistema una zona che nei prossimi anni potrà essere goduta dai cittadini e dai numerosi turisti che arrivano sul nostro territorio. Un’area pensata attorno alle linee d’acqua che si confondono con il mare utilizzando quali hub di ingresso le ex colonie marine’.

Per il Sindaco di Coriano Domenica Spinelli, ‘Coriano con questo progetto farà leva sulle sue eccellenze enogastronomiche, mettendo a sistema il suo territorio con Riccione e San Marino. La strada della green economy, abbinata alla valorizzazione delle tipicità locali e dei nostri buoni prodotti ci spinge a proseguire su questo percorso di condivisione avviato con buoni risultati, anche in altri settori’.

Per il Segretario di Stato al Turismo Teodoro Lonfernini ’la realizzazione di un percorso ciclopedonale non ideale, bensì concreto e all’insegna del recupero e della rinaturalizzazione ambientale, rappresenta un biglietto da visita importante per raggiungere il territorio di San Marino. Un traid union mare – monte tra San Marino e la costa da presentare ai nostri turisti come un ulteriore offerta del territorio’.

 

 

Ti potrebbe interessare anche...