Lugo. Un appuntamento per conoscere l’innovazione nell’era del web 3.0.

Lugo. Un appuntamento per conoscere l’innovazione nell’era del web 3.0.
Internet, connessione (immagine di repertorio)

LUGO. Giovedì 26 novembre alle 17.30 all’incubatore di impresa di via di Giù si affronteranno le opportunità e gli sviluppi connessi all’’internet delle cose’. 

Giovedì 26 novembre dalle 17.30 alle 19 all’incubatore di impresa di Lugo in via Giù 8, Centuriagenzia organizza ‘IoT: L’innovazione nell’era del web 3.0′.

L’evento, organizzato nell’ambito del progetto Nic-Net dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, offrirà una panoramica sullo stato dell’arte dell’IoT (acronimo di Internet of things, ovvero ‘internet delle cose’), sulle principali applicazioni e sul ruolo cruciale che questa tecnologia avrà per i processi d’innovazione. L’internet delle cose è ciò che caratterizza l’era del web 3.0: si passa da un mondo in cui l’oggetto è indipendente, statico, a un mondo in cui l’oggetto ha un ruolo attivo, dinamico, interagisce con il mondo circostante in modo intelligente. Dalla sanità alle automobili, dalla domotica ai ristorante: sensori e reti wireless collegano a internet e rendono intelligenti molti degli oggetti che ci circondano e fanno parte della nostra vita quotidiana.

L’appuntamento all’incubatore di Lugo cercherà di esplorare questo nuovo mondo: dalle applicazioni più significative già disponibili, agli scenari per il prossimo futuro, fino a ragionare sulle opportunità per le imprese e sulle possibili ricadute sugli stili di vita e abitudini dei consumatori.

Interverranno Fabio Lalli (Ceo di Iquii, agenzia digitale specializzata in progetti wearable/IoT e strategie digitali), Marco Bubani (di Vem Sistemi, società che sviluppa soluzioni IoT) e Piero Montanari dell’associazione Maker Station FabLab Bassa Romagna.

L’incubatore di Lugo è un luogo di innovazione, di cultura e supporto voluto per stimolare idee innovative e cultura d’impresa nel territorio della Bassa Romagna. La Bassa Romagna dispone inoltre di un FabLab, a disposizione di tutti i giovani del territorio che desiderano cimentarsi con l’innovazione.

‘L’innovazione è un valore fondamentale per la Bassa Romagna, è il motore che ha permesso al nostro territorio di diventare, dal dopoguerra ad oggi, un punto di riferimento d’eccellenza per l’universo delle piccole e medie imprese – ha sottolineato l’assessora alle Attività economiche, Simonetta Zalambani -. L’esempio che ci viene dal passato deve essere uno stimolo per i nostri tanti giovani talentuosi, e questo può avvenire solo continuando a credere nella conoscenza e nella cultura d’impresa’.

Ti potrebbe interessare anche...