Bagancavallo. Il Bursôn piace. Anche più dell’Amarone e del Chianti. Premiata l’annata 2010 della Tenuta Uccellina.

Bagancavallo. Il Bursôn piace. Anche più dell’Amarone e del Chianti. Premiata l’annata 2010 della Tenuta Uccellina.
gruppo produttori burson con uccellina

BAGNACAVALLO. Nel corso di una serata-evento di successo organizzata dal Consorzio ‘Il Bagnacavallo’ il 24 novembre, alla quale hanno partecipato 120 persone, tra cui produttori, giornalisti e moltissimi eno-appassionati, il Bursôn Etichetta Nera annata 2010 della Tenuta Uccellina di Russi si è aggiudicato il confronto con 4 fra più blasonati vini d’Italia.  

Il Bursôn si è così imposto, nel giudizio del pubblico che alla cieca ha degustato tutti e cinque i vini,  nei confronti di: Nebbiolo d’Alba DOC 2010 ‘Nonno Vet’ dell’Azienda F.lli Massucco di Castagnito (CN); Chianti Rufina Riserva DOCG 2010 ‘Villa Bossi’della Tenuta Marchesi Gondi di Pontassieve (FI); Cabernet Sauvignon DOC 2010 ‘Friuli Colli Orientali’ dell’Azienda Cantarutti Alfieri di San Giovanni al Natisone (UD); Amarone DOC 2010 ‘Cantina Del Castello’ Azienda Arturo Stocchetti di Soave (VR).

Una bella soddisfazione per la Tenuta Uccellina e per tutti i produttori del Consorzio che da tempo investono su questo vitigno autoctono e che ogni anno vedono aumentare il proprio successo a livello locale e non solo.

A decretare il miglior vino della serata è dunque stata la ‘giuria popolare’. A questa valutazione si è poi aggiunto il giudizio ‘tecnico’ espresso da una commissione costituita da giornalisti esperti del settore enogastronomico, tra i quali: Alberto Lupini direttore di Italia a Tavola, Stefania Belcecchi di DoctorWine, Roberto Gatti di Wine Taste. Anche per gli esperti del settore il miglior vino della serata è stato il Bursôn, che se l’è giocata fino all’ultimo con l’Amarone, ottenendo un punteggio di 88,71 (contro l’86,00 dell’Amarone).

All’appuntamento, inoltre, hanno partecipato anche i titolari di tutte le aziende i cui vini sono stati impegnati nel confronto, a dimostrazione dell’interesse e della validità dell’iniziativa. Oltre ovviamente a quelli della Tenuta Uccellina, Anna Antonietta Amoroso e Alberto Rusticali, erano presenti: Antonella Cantarutti, Loris Massucco, Gerardo Gondi, Arturo Stocchetti (anche Presidente di Uvive, Unione Vini Veneti, e appena riconfermato anche alla presidenza del Consorzio del Soave). Tutti unanimi nell’apprezzare il valore dell’iniziativa e a sottolineare la qualità del Bursôn, un prodotto a loro sconosciuto ma che ha saputo ben impressionare anche chi produce vino di qualità da decenni.

Ti potrebbe interessare anche...