Italia. Agenzia Demanio. Sono 289 gli immobili trasferiti agli enti in un mese con il Federalismo demaniale.

Italia. Agenzia Demanio. Sono 289 gli immobili trasferiti agli enti in un mese con il Federalismo demaniale.
Bene immobile ceduto dal demanio agli enti

ITALIA. Sono 289 gli immobili passati dallo Stato agli Enti locali nell’ultimo mese, a titolo gratuito, grazie al federalismo demaniale per essere recuperati, valorizzati e destinati a nuove attività produttive, sociali e culturali sul territorio. L’Agenzia del Demanio, ha infatti, emesso 278 nuovi provvedimenti di trasferimento di beni con il federalismo demaniale (art. 56 bis del D.L. 69 del 2013) e 11 nuovi immobili di demanio storico-artistico sono passati agli Enti con il  federalismo demaniale culturale (art. 5 c. 5 del D.Lgs. 85/2010).

In particolare, si trovano a Genova, Verona, Livorno, in provincia di Alessandria e di Sondrio gli 11 immobili di demanio storico-artistico consegnati nell’ultimo mese ai Comuni per essere riutilizzati sulla base di Programmi di valorizzazione, condivisi anche con il Ministero dei beni  e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT), focalizzati sull’utilizzo dei beni con finalità culturali. Tra questi, gli Ex Forti Puin e Crocetta a Genova, l’Antica Chiesa dell’Assunta di Livorno, il Forte Lugagnano a Verona e l’Ex Dogana di Montespluga a Madesimo (SO). Arrivano, con questi ultimi, a61 i trasferimenti completati, su un totale di 434 beni per i quali l’Agenzia ha rilasciato un parere positivo tra 646 immobili richiesti in totale da Comuni, Provincie e Regioni. Le amministrazioni coinvolte sono al lavoro con l’Agenzia e il MiBACT in 232 tavoli tecnici diversi per definire i Programmi di valorizzazione che consentiranno, a procedura ultimata, di far rivivere gli immobili come luoghi dove realizzare mostre, incontri, punti di accoglienza turistica, convegni, assicurando tuttavia una gestione sostenibile anche da un punto di vista economico e finanziario.

Con il 60% di pareri positivi rilasciati l’Agenzia sta, inoltre, completando le attività per trasferire al territorio anche gli immobili richiesti dagli Enti con le procedure dell’art. 56 bis del D.L. 69/2013 sul federalismo demaniale, in tutto 9367. Tra le5639 istanze accolte, sono 3027 i beni già trasferiti e 2612 quelli per i quali si potrà procedere al passaggio appena emesse le delibere consiliari da parte dei Comuni. Tra gli ultimi, 243 immobili del patrimonio ipogeo di Napoli, oggi utilizzati come attività commerciali o per percorsi di visita della città sotterranea, l’Ex Caserma Cesare Battisti e l’Ex Polveriera a Sulmona (AQ), l’Ex Magazzino d’Artiglieria a Sauze di Cesanza (TO), l’ex Poligono di Tiro a Segno di Rivoli (TO) e la ‘Passeggiata Goethe’ di Riccione (RN).

Da nord a sud, si tratta di immobili che torneranno nella piena disponibilità degli Enti locali per essere sottratti all’abbandono, riqualificati, valorizzati o destinati alla messa a reddito, a vantaggio del territorio e di tutto il Sistema-Paese. (elf)

Ti potrebbe interessare anche...