Rimini. Al via oggi Amarcort Film Festival con Focus Olanda e Il Giro del Mondo in 80 Corti.

Rimini. Al via oggi Amarcort Film Festival con Focus Olanda e Il Giro del Mondo in 80 Corti.
disegno amarcort Rimini

RIMINI. Al via l’ottava edizione dell’Amarcort Film Festival di Rimini (1°-6 dicembre 2015)!

Due gli appuntamenti della prima giornata, martedì 1° dicembre, entrambi al Cinema Settebello di Via Roma 70. Alle 18.30 si svolgerà il primo dei Focus sulla produzione filmica straniera, che costituiscono una delle novità dell’edizione 2015 del Festival, un momento di approfondimento dedicato a corti provenienti da cinematografie europee che non sempre trovano uno spazio adeguato alla loro qualità.

Si inizia con il Focus sull’Olanda, patria di registi quali, tra gli altri, Joris Ivens, Paul Verhoeven e Theo Van Gogh: grazie alla collaborazione con Sedicicorto, il festival internazionale di cortometraggi diretto da Gianluca Castellini, Amarcort presenterà una selezione di shortfilms provenienti direttamente dall’Eye Film Institute Netherlands di Amsterdam.

Alle 21.15, decima e ultima tappa del ‘Giro del Mondo in 80 Corti’, altra grande novità di quest’anno dell’Amarcort Film Festival, una manifestazione iniziata a marzo, che giunge ora alla serata finale, nel corso della quale si proietteranno i cortometraggi provenienti da tutto il pianeta e votati dal pubblico nelle varie serate e si sceglierà il vincitore. ‘Il giro del mondo in 80 corti’ è stato un autentico viaggio attraverso i cortometraggi di tutto il mondo: a partire dal 30 marzo, in 9 appuntamenti a cadenza mensile, sono stati presentati 80 film (con sottotitoli in italiano). Le serate hanno visto la partecipazione del pubblico, che ogni volta ha votato il corto migliore, ora in gara al Cinema Settebello.

Questi i titoli del gran finale del ‘Giro’: ‘In passing’, di Alan Miller; ‘A clean break’, di Jay Adshead; ‘Discipline’, di Christophe M. Saber; ‘Hong Konger’, di Long Fei e Huang Jia; ‘Somewhere down the line’, di Julien Regnard; ‘Bébé à tout prix’, di Guillaume Clicquot; ‘The long way down’, di Yasser Howaidy; ‘Deus in Machina’, di Nicola Piovesan; ‘De Smet’, di Thomas Baerten e Wim Geudens.

Ricordiamo anche, per tutto il periodo del Festival, al Teatro Degli Atti, la Mostra fotografica dei finalisti del Concorso Paparazzo 2015 (diviso in tre sezioni: ‘La vita nelle province del bel paese’; ‘Energia… in movimento’; ‘Tema libero’), con possibilità di votare le foto esposte, nonché la nuova sigla dell’Amarcort Film Festival: per il 2015 gli autori sono un gruppo di studenti dell’Accademia di Belle Arti della vicina, splendida Urbino, ad unire il fascino di pittura e scultura con la dinamica poesia della Settima Arte.

 

Ti potrebbe interessare anche...