Emilia Romagna. Le festività sull’Appennino dell’Emilia Romagna tra fiaccolate, presepi viventi e canti di Natale.

Emilia Romagna. Le festività sull’Appennino dell’Emilia Romagna tra fiaccolate, presepi viventi e canti di Natale.
Regali di Natale ( rep.) download (3)

EMILIA ROMAGNA. Tanti appuntamenti sull’Appennino dell’Emilia Romagna durante le feste di Natale – Dal Ponte dell’Immacolata fino all’ Epifania si possono passare giornate piacevoli fra mercatini natalizi, presepi viventi, spettacoli di canto lirico, fiaccolate, intrattenimenti per bambini, ciaspolate – In Emilia Romagna la stagione sciistica è partita quest’anno il 28 novembre grazie alle buone condizioni della neve – Nelle località ‘regine’ cioè comprensorio del Cimone (Mo), Corno alle Scale (Bo) e Cerreto Laghi (Re) ci sono discese per ogni tipologia di sciatori: dai pendii dolci per bambini e principianti fino alle piste nere a duemila metri di altitudine estremamente tecniche – Offerte soggiorno e cartellone completo su www.appenninoeverde.it

Si può partecipare a un ‘aperitivo lirico’, ascoltando arie famose e sorseggiando un drink nel teatro di Sestola (Mo), in compagnia di Caterina Caselli. Oppure mangiare lo zucchero filato con Babbo Natale in un’antica casa di montagna a Vidiciatico (Bo) sotto le piste di Corno alle Scale. Altrimenti si può aspettare il 2016 volteggiando sui pattini al suon di musica al Palaghiaccio di Cerreto Laghi (Re). O avvistare il sorgere della luna durante una ciaspolata nella foresta al Parco dei Cento Laghi (Pr) e poi gustare un piatto fumante in un rifugio. Sono alcune delle esperienze che si possono fare durante le festività natalizie nei piccoli borghi di montagna sull’Appennino dell’Emilia Romagna. Per passare qualche giorno sulla neve offerte soggiorno e cartellone di eventi su www.appenninoeverde.it.

Sul Comprensorio del Cimone (Mo): presepi, fiaccolate e musica lirica 

Si apre con un Festival di musica lirica, durante il Ponte dell’Immacolata la stagione turistica invernale nel più grande comprensorio sciistico dell’Emilia Romagna, quello del Cimone, un’ora da Modena, 50 km di discese sciabili con un unico skipass (quest’anno ricaricabile anche dallo smartphone). Da sabato 5 a martedì 8 dicembre il bel canto arriva sul Cimone con la formula della ‘lirica per tutti’. Ogni scorcio di Sestola e di Fanano, strade, piazze, teatro, sale di albergo diventeranno il palcoscenico per le esibizioni di 11 giovani artisti, a cominciare da Giovanni Caccamo, affermati nella scena internazionale. Ospite d’onore il baritono Nicola Alaimo, nuova stella della lirica sulle scene del Metropolitan di New York, dell’Opera di Parigi e del Covent Garden di Londra. La direzione artistica è di Angelo Gabrielli che ha lavorato con i più importanti artisti lirici, Pavarotti, Freni, Kabaiwanska e Ricciarelli. Madrina del festival è Caterina Caselli, da sempre legata a Sestola. Nei giorni del Festival a Sestola si potranno fare visite guidate al castello, partecipare a merende e laboratori, salutare Babbo Natale per le vie del paese e godersi le animazioni sulle piste da sci con gli attori del Fantateatro. Il pacchetto sportivo/culturale AppenninoInCanto, tre notti, colazione, quattro giorni di skipass Cimone Sci e l’ingresso per tutti gli spettacoli. Costo 269 euro. Valli del Cimone: 0536/325586, www.vallidelcimone.it Skipass festivo: 34 euro. Festivo ridotto dalle 11.30: 29 euro. Due festivi consecutivi: 58, 50 euro.

Ricco anche il programma di Fanano dove ogni giorno è aperto il Palaghiaccio fino alle ore 23 (mezzanotte il sabato), il luogo ideale per i pomeriggi dopo lo sci, per pattinare o semplicemente gustare una cioccolata calda guardando le evoluzioni in pista dei pattinatori. Sabato 5 e domenica 6 c’è una gara regionale di danza sul ghiaccio. Il 20 dicembre il centro storico si riempirà dei colori e dei profumi del mercatino di Natale. Il 23 dicembre nella Chiesa di San Giuseppe si tiene il concerto della Vigilia cantato dalla Corale San Silvestro. Il 31 dicembre sera si fa musica all’Enosteria Pedrocchi e alle ore 23 comincerà la festa in Piazza della Vittoria con musica e spettacolo pirotecnico.

Il 1 gennaio si saluta il 2016 con il Concerto di Capodanno alla Chiesa di San Giuseppe, il 2 gennaio i più sportivi possono  partire per una ciaspolata ad anello dal Lago della Ninfa. E sempre sabato, alla sera c’è la Fiaccolata sugli sci a Fellicarolo. Il giorno dopo, domenica 3 gennaio, la Chiesa di San Giuseppe sarà la cornice per il Concerto di canti gregoriani Santa Maria Nostra. Ufficio turistico Fanano 0536/68696.

A Corno alle Scale (Bo): cene ai rifugi in quota, ciaspolate e presepi 

Al Corno alle Scale con il Natale ritorna il servizio Gatto Bus, un gatto delle nevi che può trasportare comodamente adulti e bambini ai rifugi in alta quota per un aperitivo, un pranzo o anche una cena. A proposito di ristoro, fra le novità della stagione c’è la riapertura del Rifugio Le Rocce, ristrutturato e con un menu ancora più ricco.

Al Corno alle Scale durante le festività ci si può rilassare con una delle tante ciaspolate guidate. Domenica mattina 6 dicembre si va alla scoperta delle tracce degli animali e dei panorami appenninici. Rientro ore 13:30 circa. Costo: 10 euro, 5 euro i bambini. Noleggio ciaspole 7 euro. Info 0534 51052 – 53159, 3494653877. Si replica il 20 e il 27 dicembre. La sera del 25 dicembre c’è un’affascinante ciaspolata notturna. Si parte alle ore 18 per raggiungere lo storico Rifugio Duca degli Abruzzi, al Lago Scaffaiolo, rientro ore 23.30, costo 15 euro, incluso il noleggio dell’attrezzatura. (Cena in rifugio a parte). Si replica l’1 gennaio sera. Sabato 5 e domenica 6 dicembre dalle ore 15 fino alle ore 20, in Piazza XXVII Settembre e in Via Marconi davanti all’Hotel Corno alle Scale a Vidiciatico, torna la tradizionale festa paesana Tra Lume e Scuro, saranno offerte specialità tipiche montanare (carne alla griglia, ciacci e frittelle di castagne, vin brulé…) a turisti e ospiti.

Giovedì 24 dicembre dalle ore 21 fino a mezzanotte, sempre in piazza a Vidiciatico, si accenderanno le Lanterne Cinesi bevendo un bicchiere di vin brulé tutti insieme.

La Chiesa di Lizzano in Belvedere il 26 sera (ore 20.30) risuonerà con le note di ‘Passalavoce’, Concerto di Santo Stefano’, eseguito dal  Coro Monte Pizzo e dal Corpo Bandistico Lizzanese. Chi è sull’Appennino bolognese e ha voglia dell’allegria di una festa in piazza per dare il benvenuto al 2016, c’è la festa di Capodanno di Porretta Terme. 

Piacerà ai bambini l’iniziativa di Vidiciatico. Da domenica 27 a martedì 29 dicembre, dalle ore 16 alle ore 18 in Ca’ Gherardi (Borgo Antico) a Vidiciatico, c’è tanto zucchero filato da mangiare insieme a Babbo Natale. Venerdì 1 gennaio 2016 alle ore 21 al cinema La Pergola a Vidiciatico, per festeggiare insieme l’arrivo del nuovo anno, si tiene il concerto con orchestra composta da ragazzi del Conservatorio, esibizione dei bambini che frequentano i laboratori musicali.

Skipass festivo: 31 euro. Feriale 24. Mattinale o pomeridiano 22 euro. Due festivi 57 euro. Offerta pacchetto di un week end. Da venerdì a domenica, due notti, mezza pensione, due skipass festivi (sabato e domenica): 125 euro. www.cornosci.it

A Cerreto Laghi (Re): il Capodanno sulla neve fra fiaccolate e fuochi d’artificio Scambiarsi baci e auguri sulla neve. Si può fare a Cerreto Laghi, la stazione regina dell’Appennino Reggiano e che sorge intorno a un lago glaciale ai piedi del Monte Nuda. Per San Silvestro tutta la stazione sciistica si trasforma in un unico grande e divertentissimo veglione. Tutti i ristoranti e gli alberghi organizzano cenoni con musica e balli e anche al Palaghiaccio ci sono giochi e intrattenimento per tutti. Chi preferisce divertirsi con la propria famiglia o pochi amici, può organizzare una festa privata affittando appartamenti o chalet. Poco prima di mezzanotte parte la spettacolare fiaccolata notturna sulle piste. E a mezzanotte in punto l’anno nuovo è salutato da uno spettacolo di fuochi d’artificio. In alternativa, gli ospiti possono rilassarsi con ciaspolate molto belle in mezzo alla natura invernale del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano. Si procede nel silenzio dei boschi innevati circondati da laghi ghiacciati, alberi di alto fusto, cime che superano i 2000 metri e lo straordinario panorama che spazia a nord fino alla Pietra di Bismantova e la Pianura Padana e a sud permette di scorgere il Golfo di La Spezia e le Cinque Terre.

http://visitcerretolaghi.it.  Info: 0522 898216

Poco lontano da Cerreto Laghi, a Carpineti, territorio di castelli matildici, domenica 20 dicembre si potrà fare un tuffo nel medioevo col presepe vivente con tanti figuranti e scenografie e curate nei minimi dettagli. Dalle ore 14 in poi.

Nelle piccole stazioni modenesi presepi viventi, mercatini e raduno delle befane

Natale è anche tempo di presepi. Fiumalbo (Mo), piccolo borgo di charme con le case di sasso, le stradine a volta e il fiume che attraversa il centro del paesino, immerso nel Parco del Frignano, si animerà con il tradizionale presepe vivente con oltre 250 comparse.

Un altro suggestivo presepe vivente sarà interpretato il 24 sera dagli abitanti di Palagano (Mo) paesino vicino a Frassinoro e al grande comprensorio del fondo Piandelagotti. Proprio a Piandelagotti, stazione invernale nel comune di Frassinoro (Mo) il 20 dicembre si potrà seguire una gara di fondo interregionale. A Montefiorino, località della stessa area, il 6, 7 e 8 dicembre sarà allestito un mercatino natalizio per le vie del centro storico. La sera del 25 dicembre alla Chiesa di Loreto c’è il Concerto di Natale a cura della banda musicale di Montefiorino. Il 6 gennaio a Lama di Monchio, frazione di Palagano altro piccolo borgo appenninico modenese, arriveranno i Re magi e altri figuranti impersonati dagli stessi abitanti.

L’atmosfera del Natale prende vita a Montalbano di Zocca, paesino di montagna reso suggestivo dal saliscendi dei vicoli e dalla piccola chiesa Settecentesca. Qui dall’8 dicembre al 31 gennaio saranno esposti oltre 70 presepi negli angoli caratteristici. Nei pomeriggi festivi verranno offerti vin brulè e dolci e si potrà visitare il Mercatino di Natale. Sabato 27 dicembre si terrà la “Fiaccolata da Zocca a Montalbano” (partenza ore 17 dal municipio e con cioccolata calda per tutti). Il 6 gennaio poi arriverà “Raduno delle Befane”  dove sarà premiata la befana più brutta durante una sfilata e festa con doni per i bambini, dolci e vin brulè per tutti. Info www.montalbanoinfesta.net.

Vivace e ricco di iniziative è anche il cartellone di Pievepelago e di Sant’Anna Pelago, piccola stazione particolarmente adatta alle famiglie sull’Appennino Modenese (skipass feriale 15 euro, festivo 25 euro. Info 0536 71304-78504. L’ 8 dicembre si apre la mostra di presepi meccanici dell’artista Claudio Ladurini nella sala cultura. In piazza i bambini potranno fare una foto ricordo sulla slitta accanto alla capanna del presepe. Il 30 dicembre da Sant’Anna Pelago (innevamento permettendo) partirà la tradizionale Fiaccolata sugli sci di fine anno alla seggiovia Scorzatello. A Pievepelago il 30 dicembre pomeriggio sfileranno per le vie del paese  dieci musicisti vestiti da Babbo Natale (Pro Loco). Lunedì 4 gennaio a Sant’Anna: ‘Alla ricerca della Befana’, ciaspolata in compagnia di accompagnatori sulle tracce della Befana, per grandi e piccoli. Martedì sera 5 gennaio ritorna una delle manifestazioni più antiche la Mascherata dell’Epifania a Sant’Anna Pelago con corteo di personaggi e carri allegorici ispirati a favole e tradizioni popolari.

E a proposito di favole, a Pavullo dal 5 dicembre riapre al pubblico il Castello di Montecuccolo. Ogni fine settimana e festivi.

A Febbio (Re) per i bambini arrivano Babbo Natale, le Befane e fiaccolata 

Febbio è una piccola stazione sciistica, a 65 km da Reggio Emilia, ma speciale: è la stazione sciistica più alta dell’Appennino settentrionale (2063 metri), nel cuore del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano (skipass 20 euro). La novità della stagione è la possibilità di prenotare l’apertura infrasettimanale delle piste. Il servizio è riservato ai possessori della card (regolamento sul sito www.infofebbio.com), una carta a punti a scalare da usare per tanti servizi e acquisti. Durante le festività ci sono tanti appuntamenti. Il 26 dicembre nel pomeriggio arriverà Babbo Natale con animazione, merenda per tutti i bambini e laboratori creativi. Giovedì 31 dicembre 2015 le piste si illumineranno di piccole fiammelle per la Fiaccolata organizzata dallo Sci club la Contessa.

Domenica 3 gennaio 2016 alle ore 16.30, alla Chiesa di Febbio ci sarà il concerto della Corale di Villa Minozzo. Lunedì 4 gennaio la Proloco di Febbio e la Compagnia del Befanotto organizzano il tradizionale Canto della befana. Divertimento assicurato sulle piste la mattina del 6 gennaio con la Befana. Tutti gli sciatori sono invitati a presentarsi in maschera: a fine giornata sarà premiato il costume più bello. Per tutta la stagione invernale l’area del Baby Park sarà allestita sul tema del magico mondo di Frozen con gonfiabili, giochi e slittini. www.infofebbio.com.

Sull’Appennino Reggiano ci sono tanti mercatini natalizi e di Santa Lucia (che qui si festeggia) come quelli di Vezzano sul Crostolo, il 14 dicembre, con musica, enogastronomia, spettacoli, bancarelle vintage e solidarietà. Artigianato, dolciumi e prodotti tipici sulle bancarelle del mercatino di Santa Lucia a San Polo d’Enza e in quello di Canossa (località Vedriano) dove si potranno gustare gnocco fritto, castagne, baccalà e vin brulé son un sottofondo di allegre musiche natalizie.

Al Parco Nazionale Tosco Emiliano (Pr) tante ciaspolate e piatti fumanti 

Un modo per scoprire e godersi la bellezza del Parco Nazionale Tosco Emiliano e in particolare dell’area dei Cento Laghi (Pr), è unirsi alle ciaspolate che partono dal Rifugio Lagedei. Sabato 26 dicembre (ore 17) parte la ciaspolata nella foresta Alta Val Parma, si sale fino al crinale per godersi il panorama e ammirare il sorgere della Luna (quasi piena). Un’escursione adatta anche a principianti disposti a faticare un po’. Rientro al Rifugio alle 19,30 per un piatto di anolini in brodo. Costo: 13 euro. Bambini 6 euro. Info 328/8116651.

Altre ciaspolate sono poi in programma il 27 dicembre per andare a vedere il Lago Santo completamente ghiacciato con la sua atmosfera magica. L’anno nuovo sarà festeggiato  al rifugio Lagdei con sei ciaspolate nel giro di tre giorni (1, 2 e 3 gennaio) alla scoperta della montagna d’inverno. Sabato c’è anche una ciaspolata sotto le stelle di gennaio immersi nel buio dalle praterie d’alta quota, rientro previsto per le 24. Quota individuale accompagnamento: 25 euro. Rifugio Lagdei 0521/889353.

Ti potrebbe interessare anche...