Santarcangelo. ‘Intrap(p)rendere Green’, pronte le decorazioni in carta riciclata per le vetrine del centro commerciale naturale.

Santarcangelo. ‘Intrap(p)rendere Green’, pronte le decorazioni in carta riciclata per le vetrine del centro commerciale naturale.
Intrap(p)rendere Green Santarcangelo econatale

SANTARCANGELO. Le decorazioni in carta riciclata per le vetrine del centro commerciale naturale sono pronte: sabato 5 dicembre in biblioteca (ore 11,30) i ragazzi delle scuole medie le consegneranno ai commercianti del centro storico. Durante l’incontro, che conclude il progetto ‘Intrap(p)rendere Green’, i commercianti/committenti potranno scegliere le decorazioni da collocare nelle vetrine dei negozi tra 50 contenitori sferici, quadrati, triangolari, di diverse altezze e dimensioni, creati con le copie rese del Resto del Carlino, ciascuno accompagnato da una locandina in cartone riciclato che narra la storia dell’oggetto e l’idea del suo autore. Ragazzi e ragazze, nel frattempo, avranno la possibilità di redigere un business plan per capire i vantaggi dell’economia green attraverso la rielaborazione di alcune informazioni fornite dai commercianti stessi.

Il progetto didattico ‘Intrap(p)rendere Green’, dedicato all’incontro tra comunità economica e mondo della scuola che è al centro della responsabilità sociale d’impresa, ha coinvolto 51 studenti della scuole medie di Santarcangelo nell’allestimento delle vetrine del centro commerciale naturale in occasione di EcoNatale. Il progetto didattico, che si è sviluppato tra ottobre e dicembre, è patrocinato da Ecomondo, Il Resto del Carlino, associazione Città Viva e dall’assessorato al Turismo e Attività Economiche del Comune di Santarcangelo.

Il progetto si è strutturato – con il coordinamento di Città Viva – in un percorso di alternanza scuola-lavoro, in collaborazione con Il Resto del Carlino per l’approvvigionamento della carta, con Ecomondo per far conoscere alle classi le più importanti realtà nel mondo del riciclo e con l’Amministrazione comunale per far rientrare il progetto nel programma di EcoNatale. Ragazzi e ragazze hanno quindi studiato la carta e la sua composizione, le figure geometriche e il riciclo; intervistato le aziende di settore, i commercianti e scoperto il mondo del commercio; programmato, progettato e lavorato il cartone e la carta fino a raggiungere i risultati desiderati, con la guida dei professori di lettere, educazione tecnica, scienze e matematica: Dea Gualdi, Antonella Astolfi, Pierluigi Venezia, Fabrizio Monterumisi, Antonio Moscato.

Grazie al progetto ‘Intrap(p)rendere Green’, la carta è diventata quindi materia prima per realizzare oggetti che, oltre a valorizzare il centro commerciale naturale, ricorderanno a tutti che ognuno può contribuire alla riduzione dell’inquinamento, anche con attività divertenti. Un percorso di educazione ambientale che si inserisce perfettamente nella storia, nelle caratteristiche e nei principi di EcoNatale: la sostenibilità ambientale, il risparmio energetico e il riutilizzo, ma anche la cittadinanza attiva. I ragazzi infatti hanno imparato a farsi carico dei problemi sociali e ambientali del territorio, riconoscere il valore anche economico del riciclo e del riuso e comprendere le possibilità lavorative e di studio legate ai temi della sostenibilità ambientale e dell’ecologia in generale. Il progetto ha permesso inoltre ai ragazzi di orientarsi nei meccanismi di funzionamento dell’economia e del mondo del lavoro.

Ti potrebbe interessare anche...