Ravenna. Calcio. Quarto pareggio per il Ravenna FC con il Romagna Centro. Il rigore di capitan Innocenti non basta.

Ravenna. Calcio. Quarto pareggio per il Ravenna FC con il Romagna Centro. Il rigore di capitan Innocenti non basta.
Ravenna calcio Innocenti e Ballardini

RAVENNA.  Il derby continua a respingere il Ravenna. Dopo i pareggi interni con Imolese, Bellaria e Forlì e le sconfitte esterne con San Marino e Sammaurese, i giallorossi incamerano un altro pareggio con il Romagna Centro, il sesto in nove partite della gestione Mosconi, nell’ultimo match del 2015 al Benelli, che mantiene inalterate le distanze in classifica tra le due squadre nella lotta per evitare i playout, ma crea una piccola spaccatura dal gruppo di centroclassifica.

Dopo un buon avvio degli ospiti, che si fanno sentire con pericolosità dalle parti di Iglio in tre circostanze, la più clamorosa al 18’ con Spadaro che, smarcato in area, non inquadra la porta, il Ravenna prende gradatamente il comando delle operazioni e al 30’ sblocca il match. Radoi innesca in area Innocenti, ‘affondato’ da Brunetti. L’arbitro, dopo un momento di esitazione, accorda il penalty che Innocenti trasforma con un bel tiro angolato a mezz’altezza alla sinistra di Semprini: gol n. 10 per l’attaccante giallorosso che per il quinto campionato consecutivo di D e per la 14ª volta in carriera raggiunge la doppia cifra. Succede poco altro nel resto della prima frazione, mentre la gara cambia il suo verso dopo 37 secondi dal via della ripresa: sugli sviluppi di un’azione originata da un fallo su Radoi, il Romagna Centro va alla conclusione con Rizzitelli, un rimpallo smarca Luzzi che insacca di precisione. Il Ravenna si rovescia rabbioso in avanti: al 9’ Del Mastio spreca un invitante pallone e un’azione ben costruita dai suoi; al 15’ Righini chiama alla respinta Semprini, al 22’ il numero uno ospite si oppone a Maini e poi ad Atzori, con l’aiuto della sua difesa e infine al 29’ ancora Del Mastio al tiro, con il pallone che esce di pochissimo sopra la traversa. Il finale è di marca Romagna Centro, con due conclusioni di Spadaro al 35’ e di Dall’Ara su punizione al 41’, che mettono i brividi al pubblico del Benelli ma escono di un niente. L’ultimo sussulto è al 47’ nella capocciata di Mandorlini su angolo di Righini: palla alta.
‘Sono deluso perchè speravo nella vittoria – spiega a fine partita l’allenatore del Ravenna Andrea Mosconi – ma nei primi minuti abbiamo mandato messaggi negativi; diversi giocatori hanno sbagliato partita a livello mentale e questo ha finito per agevolare il Romagna Centro; non si è lavorato di squadra e questo ci ha messo un po’ in difficoltà. Il loro gol a inizio ripresa, anche per come è venuto, su un fallo laterale ingenuo e su un rimpallo, ha cambiato il quadro tattico. Mi aspettavo un Romagna Centro così, veloce, propositivo e aggressivo, non mi aspettavo invece così la mia squadra. Non abbiamo fatto il salto di qualità che serviva: dobbiamo continuare a lavorare e rimboccarci le maniche. Ci prendiamo questo punto, sapendo che in questi scontri diretti si deve vincere ma è importante anche non perdere’.

 

 

 

 

 

Il tabellino della partita

 

Ravenna-Romagna Centro 1-1

 

RAVENNA (4-3-3): Iglio; Maini (24’ st Guagneli), Mandorlini, Antoniacci, Leonardo; Atzori, Righini, Radoi (16’ st Petrascu); De Vecchis (1’ st Del Mastio), Innocenti, Ambrogetti. A disp.: Marendon, Caidi, Magri, Minardi, Ballardini, Battiloro. All.: Mosconi.

ROMAGNA CENTRO (3-5-2): Semprini; Maioli, Ronchi, Brunetti; Vitellaro (26’ st Morena), Rizzitelli (39’ st Saporetti), Dall’Ara, Ferretti, Gregorio (33’ st Ahmetovic); Spadaro, Luzzi. A disp.: Zauli, Tisselli, Arrigoni, Cenci, Alijahej, Ricci Frabattista. All.: Faedi (Rossi squalif.).

ARBITRO: Piacenza di Bari.

RETI: 30’ pt  rig. Innocenti, 1’ st Luzzi.

NOTE: Ammoniti: Antoniacci, Righini; Brunetti, Dall’Ara, Spadaro, Luzzi. Angoli: 4-3. Recupero: 2’ e 4’.

Ti potrebbe interessare anche...