Fiumicino. Due Consulte ma un solo cuore: a Fiumicino arriva il defibrillatore dei volontari di quartiere.

Fiumicino. Due Consulte ma un solo cuore: a Fiumicino arriva il defibrillatore dei volontari di quartiere.
Fiumicino Piazza Amaduzzi

FIUMICINO. Un defibrillatore nel centro del paese, due Comuni coinvolti e dieci cittadini che hanno già imparato ad utilizzarlo in caso di emergenze:ci sono tutti gli ingredienti per una bella storia di solidarietà e senso civico nell’iniziativa a cui hanno dato vita insieme le due consulte di quartiere di Fiumicino, la frazione ‘divisa’ – ma solo sulla carta – tra i Comuni di Savignano sul Rubicone e Gatteo. Sabato 19 dicembre, infatti, i sindaci delle due città e i volontari delle due Consulte taglieranno il nastro del nuovo defibrillatore semiautomatico installato nella centralissima piazza Amaduzzi, in quella che era la “storica” cabina del telefono della località.

L’acquisto della strumentazione risale a circa un anno fa, grazie al ‘tesoretto’ risparmiato dalla Consulta tra economie di spesa e iniziative di autofinanziamento: da allora i volontari hanno dato il via a un percorso di condivisione che ha mobilitato tutte le anime della città. ‘Abbiamo coinvolto cittadini e associazioni – spiegano – affinché il defibrillatore potesse essere patrimonio di tutti. Ognuno ha contribuito con la propria disponibilità e le proprie competenze: per esempio affiancandoci nella scelta del modello, come nel caso di Mirko Berlati, o facendo da tramite con Telecom, come ha fatto Filiberto Scarpellini, affinché ci fosse affidata la ex cabina telefonica dismessa. Maurizio Orlandi e la sua ditta hanno poi donato la cassetta che protegge il defibrillatore, mentre Tonino Buda e la Fiumicinese si sono assunti l’impegno di garantire la manutenzione’.

Lo spirito di partecipazione ha poi coinvolto i fiumicinesi anche nel prendersi la responsabilità di intervenire in caso di emergenza: dieci cittadini hanno infatti seguito, a proprie spese, il corso di abilitazione per conseguire l’attestato di soccorritori BlsD, ossia con l’uso professionale del defibrillatore. ‘Tra loro – ci tengono a sottolineare i membri della Consulta – anche Simone Pasolini, la cui attività è forse la più vicina al punto in cui è installato il defibrillatore. Un’assunzione di responsabilità che lo vede coinvolto in primissima persona’.

‘Ringraziamo i fiumicinesi e il loro spirito di iniziativa – commentano i sindaci di Savignano Filippo Giovannini e Gatteo Gianluca Vincenzi -, che grazie all’impegno davvero di tutti permette alla località di dotarsi di uno strumento che davvero può “fare la differenza”. In questa iniziativa i cittadini hanno inoltre dimostrato voglia di collaborare e capacità di coordinamento, come solo le realtà più vivaci e volenterose sanno fare’.

Ti potrebbe interessare anche...