Ravenna. Andrea Patrignani è il nuovo direttore dell’istituto musicale Verdi.

Ravenna. Andrea Patrignani è il nuovo direttore dell’istituto musicale Verdi.
Patrignani direttore istituto musicale Verdi

RAVENNA. Il professore Andrea Patrignani è il nuovo direttore dell’ISSM ‘G. Verdi’ di Ravenna, eletto dal collegio docenti, la cui nomina è già stata ratificata dal Ministro per l’Università e la ricerca.

Succede al professore Franco Perfetti che ha ricoperto la carica per i due mandati precedenti.
Il professore Andrea Patrignani è docente di tromba all’ Istituto Superiore di Studi Musicali ‘Verdi’ da 40 anni e questa nomina  corona una esperienza professionale che lo ha visto al ‘Verdi’ anche allievo di quel compianto e amato prof. Nello Patuelli del quale ha finito per ereditare la cattedra.
La gioia e l’orgoglio che nascono da questo incarico, unitamente al timore per la sua insita complessità e delicatezza, sono motivati da questo fortissimo legame con l’ Istituzione musicale della città per la quale ha formato un numero molto alto di allievi consegnati alle loro rispettive carriere professionali come docenti e come strumentisti di importanti orchestre.
Andrea Patrignani è inoltre profondamente legato alla sua Ravenna come testimoniato dal suo ventennale impegno quale direttore e anima della Banda musicale cittadina, ruolo che ha ricoperto fino a pochi mesi fa, che lo ha portato a prendere un piccolo nucleo originario e a ampliarlo fino a quasi 80 elementi. L’impegno in ambiti così apparentemente distanti come quello di docente dell’Alta formazione e di direttore della Banda cittadina sono da ascrivere a una forte personalità caratterizzata da una vitalità musicale al contempo elegante e vigorosa e ad una penetrante componente sociale, etica e istituzionale.
La figura di Andrea Patrignani ha riscosso la fiducia dei colleghi, di questa fiducia avrà il massimo rispetto così come avrà coscienza e rispetto del legame, non solo istituzionale, che fa appartenere l’ISSM ‘Verdi’ all’Amministrazione pubblica, alla città di Ravenna e a tutti suoi cittadini.

Ti potrebbe interessare anche...