Faenza. Il Museo Internazionale delle Ceramiche propone mostre in questi giorni di festa.

Faenza. Il Museo Internazionale delle Ceramiche propone mostre in questi giorni di festa.
Sala Museo internazionale delle ceramiche Faenza MIC

FAENZA. Tanto da vedere e da sperimentare al MIC di Faenza durante questi giorni di festa. Il Museo Internazionale delle Ceramiche, oltre alla sua collezione permanente -  la più vasta raccolta di ceramica al mondo con opere che vanno dal periodo arcaico fino ad arrivare alla scultura contemporanea – ha in corso diverse mostre temporanee. Ultimi giorni per vedere la mostra (chiude il 6 gennaio) ‘Ceramic food and design. Quando i designers incontrano i ceramisti’: una ventina di oggetti in ceramica per la tavola realizzati dai designer di Milano Makers insieme ai ceramisti faentini. Termina invece il 10 gennaio l’esposizione dell’installazione ‘Cuccagna ittica’ dell’artista romano Giuseppe Ducrot realizzata in collaborazione con Bottega Gatti. L’opera fa parte del progetto L’Albero della cuccagna. Nutrimenti dell’arte: un progetto, a cura di Achille Bonito Oliva, diffuso sul territorio nazionale e ispirato alla cuccagna, in occasione di Expo.

Posticipata fino al 31 gennaio la mostra del 59° Premio Faenza: la mostra presenta le 130 opere di scultura ceramica contemporanea provenienti da tutto il mondo e  selezionate al Concorso Internazionale della Ceramica d’Arte Contemporanea.

Infine diverse le proposte per adulti e ragazzi. Domenica 3 gennaio, alle 11, visita guidata alla collezione permanente e mercoledì 6 gennaio, dalle 18 alle 20, ‘Aperitivo con delitto’, un gioco di ruolo ambientato nelle sale del MIC per scoprire delitti e misteri irrisolti, mentre si gustano prodotti locali.
Il Museo faentino è chiuso il 1 gennaio ed è aperto dal martedì al venerdì dalle 10 alle 13.30, il sabato, la domenica e il 6 gennaio dalle 10 alle 17.30.  

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza, ingresso temporaneo: via Campidori 1. Info: 0546 697311, micfaenza.org

Ti potrebbe interessare anche...