Rimini-San Marino. Unione Rugby. Sconfitta di misura sulla capolista Pieve 1971. Gara combattuta alla pari.

Rimini-San Marino. Unione Rugby. Sconfitta di misura sulla capolista Pieve 1971. Gara combattuta alla pari.
unionerugby rimini san marino 2015-16

RIMINI-SAN MARINO. Rientro difficile per le formazioni dell’Unione Rugby Rimini San Marino che, dopo la pausa per le festività, nello scorso week end sono tornate in campo nei rispettivi campionati.

A referto la prima partita del 2016 per l’Unione Rugby Rimini San Marino risulta essere una sconfitta, ma le statistiche del match raccontano invece una storia diversa. Domenica 17 gennaio, sul campo di Rivabella di Rimini la squadra di mister Giovanni ‘Baffo’ Borsani ha infatti ceduto il passo alla capolista Pieve 1971 per 10 a 15, pur avendo mantenuto il pallino del gioco per gran parte dell’incontro: un risultato quindi che va stretto alla squadra italo-sammarinese che è stata vicina al riscatto della netta sconfitta del match di andata appannaggio del Pieve per 64 a 7.

La gara inizia subito con l’Unione avanti con un saldo possesso di palla, ma in seguito a una ruck l’ovale finisce in mano agli ospiti che lo spediscono verso la meta avversaria con un lungo calcio: i difensori dell’Unione non riescono a intercettarlo e gli attaccanti del Pieve marcano la meta quasi al centro dei pali. Il calciatore ospite centra la trasformazione per lo 0 a 7. Una vera doccia fredda per l’Unione che però non si scompone e riparte a macinare gioco: intorno alla metà del primo tempo una volta raggiunti i 22 avversari, Racis  ha la possibilità di calciare una punizione che non sbaglia. La partita inizia ad innervosirsi e nonostante la superiorità numerica temporanea frutto di un cartellino giallo imposto al Pieve, l’Unione non riesce a finalizzare e la prima frazione di gioco si chiude sul 3 a 7.

Alla ripresa la situazione di gioco rimane pressoché invariata, ma è l’Unione, con i propri errori, a complicarsi la vita. Al 13’il calciatore del Pieve tenta un piazzato da circa metà campo. Il calcio è corto ma la difesa si fa prendere di nuovo di sorpresa e smanaccia l’ovale. L’arbitro assegna una nuova punizione che gli ospiti giocano velocemente al largo mandando la propria a in meta. La trasformazione non entra e il risultato sale sul 3 a 12. Col passare dei minuti la partita si fa nervosa, come dimostrano gli altri tre cartellini gialli estratti dal direttore di gara, due per il Pieve e uno nei confronti del capitano dell’Unione Deluigi. I padroni di casa, sorretti da un pubblico caldissimo, credono nei propri mezzi e a 15 minuti dal fischio finale riescono ad accorciare le distanze con Mini che schiaccia l’ovale. Racis trasforma per il 10 a 12. I minuti finali sono da cardiopalma. Il Pieve attacca feroce e complice anche la giornata storta nelle touche rosso-bianco-azzurre, si piazza nei 22 dei padroni di casa che difendono con veemenza ma fallosamente. Gli ospiti hanno quindi per due volte in pochi minuti la possibilità di allungare con due punizioni ma solo una centra i pali. Sul 10 a 15 è l’Unione a cercare disperatamente la meta che potrebbe ribaltare il risultato ma l’ultima azione si interrompe sui 22 avversari con l’ennesima rimessa laterale storta. L’esultanza del Pieve è fragorosa, a dimostrazione di quanto temessero di perdere la partita. Per i ragazzi di Borsani resta una prova di grande spessore, forse la migliore della stagione, che certifica come l’Unione Rugby Rimini San Marino abbia ingranato la marcia giusta per giocarsela contro chiunque nel girone.

Domenica prossima i ragazzi dell’Unione, attualmente a 30 punti, saranno di nuovo chiamati ad una sfida impegnativa sul campo del Guastalla secondo in classifica con 34 punti e a 9 dalla capolista Pieve 1971.

Formazione: Racis, Giardi, Luzio, Merloni, Pretelli, Pedrini, Cappellini, Mastellari, Siboni, Sorci, Mini, Garavini, Bacciocchi, Terenzi C., Deluigi. A disposizione Arlotti, Cellini, Buffone, Montanari, Baroni, Frisoni, Cozza. Allenatore Giovanni Borsani

Match sul campo della capolista anche per la formazione Under 18 dell’Unione impegnata, sempre domenica 17 gennaio, sul campo del Faenza Rugby.  Una prestazione deludente per i ragazzi di coach Leo, che incassa la quarta sconfitta della stagione e compromette forse definitivamente il suo campionato.
Fin dalle prime battute di gioco si è capito che molti giocatori dell’Unione non erano entrati in campo con la giusta grinta e voglia. Tutto il primo tempo è stato un monologo dei padroni di casa che però riescono a segnare solo con un calcio di punizione. Alla ripresa del gioco ci si aspetta una reazione dell’Unione ma questa non arriva. Al 7′ il Faenza segna una meritata meta che porta il punteggio sull’ 8 a 0. La segnatura del Faenza accende la partita e l’Unione improvvisamente si ricorda che la velocità è la sua arma migliore. Al 12′ una bella giocata in velocità porta Albaraccin a schiacciare l’ovale in meta. A Fralassi non riesce la trasformazione. E’ il momento  migliore per l’Unione che però immediatamente regala un calcio di punizione da posizione ottimale al Faenza permettendogli di allungare di nuovo sul 11 a 5. Al 16′ altra giocata veloce dei tre quarti dell’Unione che perforano la difesa faentina permettendo a Giardi di segnare la seconda meta. Fralassi ancora una volta non trasforma e l’Unione si porta sul 10 a 11.
L’impressione è che l’Unione possa fare sua la partita ma due infortuni a Giardi e Sammarini cambiano gli equilibri in campo. Al 26′ il Faenza segna di nuovo e si porta sul 18 a 10. Ci sarebbe ancora tempo per recuperare ma non c’è lucidità in troppi elementi e al 34′ un’ Unione stremata subisce la terza meta. La partita si chiude sul 23 a 10 per i padroni di casa. In una giornata molto negativa vanno tuttavia elogiati alcuni ragazzi dell’Unione che senza atteggiarsi mai a fenomeni si impegnano sempre sia in allenamento sia in partita come per esempio Albaraccin e Giardi che hanno avuto la soddisfazione oggi di segnare ambedue la loro prima meta in categoria.

Formazione: Albaraccin, Albini, Alpi, Bordoni, Bugli,  Cerchi, Fabbri, Fiore, Fralassi, Giardi,  Luga, Mandolesi, Migani, Monti, Morri, Parma, Sammarini, Serafini,  Ugolini A., Vacca.

Sabato 16 gennaio sono scesi in campo in quel di Lugo i ragazzi dell’Under 14 dell’Unione Rugby Rimini San Marino, che hanno faticato ad entrare nel gioco affermandosi comunque nei confronti dei padroni di casa e cedendo il passo ai coetanei di Ravenna.  In campo: Piscaglia, Marcianò, Tanase, Mangione, Elminti, Damerini, Donati, Marcozzi, Sparaventi, Sparta, Iuliano, Deluigi, Contini, Ripari, Piccari.

 

Ti potrebbe interessare anche...