Ravenna. Calcio. Un punto entusiasmante quello conquistato dal Ravenna FC contro il San Marino. Grande recupero.

Ravenna. Calcio. Un punto entusiasmante quello conquistato dal Ravenna FC contro il San Marino. Grande recupero.
Ravenna San Marino esultanza

RAVENNA. Ravenna, che impresa! Sotto di due reti, la squadra giallorossa rovescia la partita in sette minuti e nel finale sfiora addirittura il colpo grosso trovando in Dini il baluardo insuperabile. Indomabile, agguerrito, coraggioso (un secondo tempo praticamente giocato con 4 attaccanti) e mai rassegnato, l’undici di Mosconi, pur patendo a lungo la superiorità del San Marino, ha il merito di restare sempre in partita, venendo premiato con un risultato di parità che gli permette di guadagnare un punto su tutte le sue dirette rivali.

L’azione personale di Radoi al 7’ (fuga centrale e conclusione dal limite che sfiora il palo) fa capire che il Ravenna c’è. Poi però il San Marino comincia a salire di tono: due sanguinose palle perse dai giallorossi mandano al tiro prima Baldazzi (alto di pochissimo) e poi Gagliardi che manda in rete il suggerimento di Olcese ma con la bandierina dell’assistente alzata a segnalare il fuorigioco. E’ il 25’. Gli ospiti insistono e impegnano Magnani al 29’ con un colpo di testa di Olcese e sfiorano la rete al 38’ con una bordata di Baldazzi. La superiorità ospite si traduce nel vantaggio pochi secondi prima del thè: Magnani è reattivo sulle conclusioni ravvicinate di Loiodice e Olcese ma non può nulla sul tap-in di Gagliardi, già in gol al Benelli a ottobre con la maglia del Bellaria.

Ravenna San Marino azione di gioco

Il San Marino comincia in pressione la ripresa nel tentativo di trovare il raddoppio: un piano che si concretizza al 17’ quando Tola raccoglie un pallone giocato male dalla difesa di casa e infila Magnani a fil di palo. Qui il San Marino si placa, il Ravenna, nel frattempo passato al 4-2-4 con l’ingresso di Battiloro e Ambrogetti, si infiamma. Al 25’ sugli sviluppi di un corner innescato da un velenoso tiro di Innocenti, domato da Dini sopra la traversa, Righini, quasi dalla linea di fondo, cerca il primo palo e trova la deviazione decisiva di Olcese per l’1-2. Primo gol in giallorosso per Righini. Il tempo di vedere la pericolosa conclusione di Buonocunto sfilare sopra la traversa e la difficile parata di Dini sull’insidioso destro di Battiloro e al 32’ arriva il 2-2: punizione da sinistra di Righini, palla dentro per Battiloro che, spalle alle porta, controlla, si gira e di destro manda il pallone sotto la traversa, fuori dai radar di Dini. Anche per Battiloro è il primo gol stagionale, il secondo col Ravenna. San Marino alle corde, Ravenna ora che viaggia sulle ali di un entusiasmo incontenibile. E se non arriva la clamorosa vittoria è perchè Dini dispensa tre prodezze sontuose sulla punizione centrale di Righini al 35’, sulla capocciata successiva da angolo e sul tocco sottomisura di Petrascu al 47’, mentre gli ospiti non finalizzano per un niente alcune efficaci ripartenze che avrebbero potuto scrivere un altro finale.

Ti potrebbe interessare anche...