Ravenna. Darsena PopUp, la riqualificazione della Darsena inizia dallo sport.

Ravenna. Darsena PopUp, la riqualificazione della Darsena inizia dallo sport.
darsena pop up Ravenna

RAVENNA. L’Associazione Naviga in Darsena apre il cantiere di Darsena PopUp che vedrà realizzato, entro la primavera, il progetto dell’area polifunzionale a vocazione sportiva che rivoluzionerà i giorni e le notti della Darsena di città, di Ravenna e della Romagna.

Il progetto interviene su un’area libera adiacente all’Almagià, prima utilizzata come deposito di pietrame, ora in disuso, e interessa una superficie di circa 4000 metri quadrati. La riattivazione avviene attraverso un progetto innovativo dove sport, attività commerciali, di ricerca e innovazione, e attività per tempo libero, concorrono a sviluppare un polo che, assieme agli altri interventi di riuso attivati, sarà pietra miliare nello sviluppo della Darsena di Ravenna.

Darsena PopUp sarà un villaggio stabile con la possibilità di praticare numerose discipline sportive, dal Parkour allo Skate, Arrampicata, Pallavolo, beach volley e Basket avendo a disposizione servizi allo sport e alla socialità, inclusi bar e ristorante e attività commerciali. Tuttavia l’area sarà ancor più interessante e sarà un volano di iniziative (alcune delle quali già in programma) perché ha all’interno tutti i servizi necessari per lo sviluppo di eventi temporanei e sarà potenziata dalla vicinanza dell’eccellenza dell’Almagià.

La scelta architettonica fondante di Darsena PopUp è la sintesi più elevata di tutto il raffinato progetto: Tutti gli spazi coperti sono stati realizzati attraverso il riuso di container che fino a pochi mesi prima erano destinati al commercio internazionale, conciliando la valorizzazione dell’identità portuale, della temporaneità e della sostenibilità ambientale.

darsena pop up Ravenna rendering

L’obiettivo è quello di creare una nuova polarità di servizi alla città, che diventi uno dei punti di riferimento per la comunità e di collegamento fra il centro e la parte cittadina del porto, attraverso le creazione di nuovi spazi per attività sportive, culturali e per il tempo libero, integrati in un contesto che prevede servizi commerciali, spazi destinati ad associazioni legati alla ricerca e al mondo creativo culturale.

Il progetto darsena Popup a cura di Naviga in Darsena è stato presentato in municipio nel corso di una conferenza stampa cui hanno preso parte l’assessore all’Urbanistica Libero Asioli e l’assessora alla Partecipazione Valentina Morigi.

‘Questo progetto è frutto di un costruttivo confronto con Naviga in Darsena - ha affermato l’assessore Asioli-. Ne siamo particolarmente soddisfatti poiché è la prima iniziativa che concretizza la politica del riuso degli spazi in Darsena.
Come abbiamo affermato alcuni giorni fa, in occasione della presentazione del portale, il nostro obiettivo è promuovere la rivitalizzazione della Darsena anche grazie al contributo di soggetti privati come in questo caso. Apprezziamo e incoraggiamo quindi  Darsena Popup augurandoci che faccia da traino a tanti altri analoghi progetti’.

‘Darsena Popup  - ha dichiarato l’assessora Morigi - è una concreta risposta alla domanda di riuso degli spazi, emersa nel corso del progetto partecipato “La Darsena che vorrei”, intesa come volontà di rendere stabile e non occasionale la fruizione di questo luogo da parte di cittadini e visitatori.
Ci troviamo di fronte, oggi, ad un progetto di ampia valenza europea, un esempio simile lo troviamo ad Amsterdam, che viene realizzato con interventi rispettosi del contesto urbano e con strutture leggere. Tutto questo dimostra come sia possibile far rivivere e convertire gli spazi privati degradati in luoghi di socializzazione e di pregio architettonico a vantaggio dell’intera città’.

‘La Darsena di città è la traccia di un porto commerciale che fino a pochi anni fa aveva qui il cuore pulsante del sistema con navi, banchine gremite, i magazzini, la linea ferroviaria dedicata e commerci di ogni tipo – dichiara Paolo Monduzzi, presidente dell’associazione culturale Naviga in Darsena che sta promuovendo Darsena PopUp- , coronamento di più di un decennio di iniziative di sensibilizzazione -. Questa zona è stata il pilastro dell’identità e dell’economia ravennate per decenni ed è attualmente in una fase di transito dalla vecchia funzione produttiva al diventare cuore pulsante dello sviluppo della città. In questo contesto, la volontà di chi nel porto ha sempre creduto e lavorato è quella si scommettere sul rilancio sociale della Darsena, come unico modo di attivazione e valorizzazione dell’intero quartiere’.

Darsena PopUp è, quindi, un intervento di attivazione sociale, il progetto realizzato dallo studio Officina Meme, è fortemente legato all’identità portuale di Ravenna. E’ un processo pilota per i riusi temporanei, finalizzato alla creazione reale  di nuovo comparto sportivo-ricreativo a servizio della collettività, anche a vocazione fieristica, e si basa su tre principi fondamentali: socialità, innovazione e sostenibilità.

È un’occasione che ha permesso di sviluppare un percorso condiviso tra la lungimirante proprietà dell’area, investimenti privati e enti locali, favorendo in questo modo la creazione di un ambito la cui eterogeneità funzionale, diviene elemento fondamentale per ridare vita alla Darsena, costituendo un nuovo polo attrattivo per la città e per i cittadini che in questo modo possono cominciare a vivere la Darsena come luogo di quotidianità.

Darsena PopUp ha avuto la possibilità di nascere grazie a due scelte forti fatte dal Comune di Ravenna: in primo luogo l’approvazione del POC Darsena, che ha sancito in modo innovativo la possibilità di attivare il tessuto sociale attraverso interventi temporanei, in secondo luogo la creazione della cosiddetta ‘cabina di regia’ che ha facilitato lo sviluppo di progetti di ricostruzione del tessuto sociale della Darsena.

Ti potrebbe interessare anche...