Savignano-Longiano. Siglato l’accordo tra i due comuni per il recupero della strada di confine soggetta a frana.

Savignano-Longiano. Siglato l’accordo tra i due comuni per il recupero della strada di confine soggetta a frana.
ViaRibano-Gualdello Savignano Longiano frana

SAVIGNANO-LONGIANO. Ancora un intervento congiunto tra i Comuni di Savignano e Longiano per far fronte insieme alle criticità idrauliche del territorio: le due amministrazioni comunali hanno infatti sottoscritto un accordo per intervenire in sinergia sull’area interessata da movimento franoso sulla via Ribano, nel territorio di Longiano, e via Gualdello nel territorio savignanese. La strada lunga circa 500 metri, che di fatto delimita il confine tra i due Comuni, ha urgente necessità di un’azione di bonifica: un primo intervento già effettuato dal Comune di Longiano ha permesso di rendere nuovamente transitabile il tratto più a monte, ma con questo accordo intercomunale si va ora a risolvere la criticità in maniera strutturale.

‘Compatibilmente con le condizioni meteo – spiega il sindaco di Savignano Filippo Giovannini – contiamo di poter avviare in tempi brevi l’intervento, grazie alla sinergia di intenti subito trovata tra i nsotri dei Comuni. Del resto la criticità della situazione è da tempo ben presente a entrambe le amministrazioni, e procedere insieme si conferma la soluzione più veloce ed efficace’.

Partendo da una puntuale indagine geologica sulla consistenza del dissesto, i due Comuni hanno quindi programmato insieme di procedere con quattro interventi sequenziali, per un importo di spesa di circa 40mila euro: dapprima la bonifica del movimento franoso che interessa la carreggiata, per poi ricostruire sia carreggiata che massicciata stradale con materiale stabilizzato e asfalti. Successivamente si procederà poi alla regimazione delle acque superficiali predisponendo appositi manufatti e fossette di scolo, per poi terminare con le necessarie opere di finitura e messa in sicurezza.

‘Dapprima – conclude il sindaco di Longiano Ermes Battistini – ci siamo trovati a dover temporaneamente interdire la circolazione stradale: un provvedimento disagevole ma necessario che siamo riusciti a revocare con un primo intervento tampone che ha ripermesso alle auto di transitare. Ora è però necessario intervenire in maniera definitiva, per scongiurare ogni ulteriore rischio di dissesto nel tempo e garantire ai residenti di quell’area la giusta sicurezza’.

Articoli più letti