Rimini. Parco del mare: sarà un Gruppo di lavoro a valutare le ‘Manifestazioni d’interesse’ di 367 operatori economici.

Rimini. Parco del mare: sarà un Gruppo di lavoro a valutare le ‘Manifestazioni d’interesse’ di 367 operatori economici.
parco del mare Rimini rendering

RIMINI. Sarà un ‘Gruppo di lavoro‘ coordinato dall’Ing. Chiara Dal Piaz quello che valuterà le  ’manifestazioni d’interesse’ presentate da 367 operatori economici privati disponibili a intervenire nella fase di progettazione e di realizzazione del Parco del Mare.

La Giunta comunale ha infatti approvato nella seduta di martedì la costituzione del gruppo in ragione dell’ampiezza e della diversificazione delle tematiche coinvolte nel progetto di riqualificazione del lungomare.

Una complessità che ha suggerito la necessità che l’attività di valutazione delle proposte pervenute costituenti manifestazione d’interesse venga svolta tramite il coinvolgimento di tutte le strutture organizzative che presidiano funzioni e attività collegate e connesse con il progetto di riqualificazione del lungomare. Un coinvolgimento necessario per garantire il massimo della trasversalità e il coinvolgimento di tutte le competenze presenti nel Comune di Rimini in relazione ai diversi aspetti e profili dell’intervento, oltreché la cooperazione e l’azione sinergica tra le strutture organizzative stesse.

Oltre all’Ing. Dal Piaz, dirigente dell’unità operativa Accordi Territoriali, fanno parte del Gruppo di lavoro Anna Errico, Direzione Patrimonio Espropri e Attività Economiche; Catia Caprili Catia, Settore Turismo, Water Front e Riqualificazione Demanio; Alberto Fattori, Direzione Pianificazione e Gestione Territoriale e Piano Strategico; Daniele Fabbri, Direzione Lavori Pubblici e Qualità Urbana; Remo Valdiserri Remo, Settore Sportello Unico per le attività produttive; Luigi Botteghi, Direzione Risorse Finanziarie, a cui potranno essere affiancate a supporto eventuali figure tecniche qualificate esterne.

La delibera di Giunta precisa anche che le proposte verranno valutate attenendosi ai criteri per la progettazione urbana e architettonica individuati nelle ‘Linee Guida’ per l’attuazione del Parco del Mare approvate nel settembre scorso. Una valutazione che dovrà concludersi entro la fine del mese di febbraio così da consentire la definizione di uno stralcio del progetto ‘Parco del Mare’ che possa accedere ai finanziamenti europei previsti dalla Regione Emilia Romagna nel dare attuazione alle azioni 6.6.1 e 6.7.1 POR.FESR 2014, a sostegno dei progetti di valenza strategica in coerenza con le politiche regionali di attrattività turistica.

Il Parco del Mare è un progetto promosso dal Comune di Rimini che mira all’ottimizzazione e innovazione dei servizi a sostegno del turismo e della qualità urbana. Assieme a una forte partecipazione dei cittadini e delle imprese, tra gli obiettivi e le finalità del progetto di attuazione del nuovo Parco del mare sono la sostenibilità ambientale e paesaggistica, privilegiando il recupero e il trasferimento delle superfici già esistenti sull’arenile; la possibilità di insediare nuove superfici finalizzate ad attività private per ampliare e articolare l’offerta dei servizi alla collettività; la permeabilità fisica e visuale fra il Parco del Mare e il mare; la ricerca di soluzioni architettoniche, materiali, e sistemazioni a terra in armonia con la nuova natura del Parco del Mare.

Ti potrebbe interessare anche...