Santarcangelo. ‘Fare bene’, oggi l’evento di apertura del progetto per la cura del verde.

Santarcangelo. ‘Fare bene’, oggi l’evento di apertura del progetto per la cura del verde.
santarcangelo centro storico

SANTARCANGELO. Lunedì 15 febbraio alle 18,30 al Supercinema (Sala Wenders) appuntamento con l’evento inaugurale di ‘Fare bene’, progetto realizzato dall’Amministrazione comunale e Focus per promuovere la cura del verde pubblico come bene comune (ingresso libero). Ad aprire l’incontro, dopo i saluti dell’Assessore alla qualità ambientale e allo sviluppo sostenibile Pamela Fussi, la proiezione di “Città del cavolo. Orti comunitari a Milano e Berlino”, il docufilm con cui Paola Longo e Salvatore Laforgia raccontano il loro viaggio alla scoperta delle esperienze di Milano e Berlino. Dove prosperano gli skyline, nelle due città hanno trovato spazio anche cavoli, pomodori e ravanelli coltivati da persone desiderose di rianimare il grigiore della città e riconquistare spazi vuoti con orti e giardini. Questi diventano quindi dei veri e propri ‘laboratori sociali’, basati sul principio del ‘do it yourself’, dove far crescere il senso di comunità e appartenenza.

Terminata la proiezione (ore 19,30), si svolgerà un dibattito su ‘Cibo e parole sui beni comuni’ in modalità world cafè, con aperitivo accompagnato dall’intervento degli autori del documentario. La riflessione su tematiche e questioni, soluzioni ed esperienze illustrate nel film, sarà quindi l’occasione per presentare il progetto ‘Fare bene’ e per il lancio del concorso ‘Beni comuni | Ci sei o ci fai?’.

Il concorso “Beni comuni | Ci sei o ci fai?” accompagnerà tutto il percorso partecipativo per stimolare tra i cittadini santarcangiolesi la ricognizione di buone e cattive pratiche sulla gestione partecipata dei beni comuni. Il concorso sarà articolato in più sezioni per valorizzare sia i contributi audiovisivi (clip) che fotografici: tutto il materiale raccolto sarà composto in un’unica narrazione messa in mostra e valutata in occasione dell’evento finale del percorso (in concomitanza con Balconi Fioriti). E come ogni concorso che si rispetti, ai finalisti saranno assegnati diversi premi.

Città del Cavolo. Orti comunitari a Milano e Berlino - I due registi milanesi Paola Longo e Salvatore Laforgia, insieme a Guido Larcher (Treviso) e alla giornalista berlinese Inge Pett, con telecamera alla mano, sono andati alla scoperta degli orti comunitari di Milano e di Berlino. A Berlino l’equipe cinematografica ha visitato l’Allmende-Kontor sullo spazio dell’ex aeroporto Berlin -Tempelhof, gli orti di Prinzessinnengarten e il parco cittadino di Moabit così come il giardino interculturale Rosenduft, dove donne dell’ex-Jugoslavia hanno elaborato i traumi subiti  anche con l’esperienza terapeutica del giardinaggio. Al Giardino degli Aromi, l’orto Comunitario più grande di Milano situato nell’ex-ospedale psichiatrico Paolo Pini, utenti della psichiatria lavorano insieme agli abitanti  del quartiere. Altre località del film sono l’Isola Pepe Verde, ‘un’isola verde’ tra i grattacieli di Milano, e l’orto comunitario di Cascina Albana.

I dialoghi sono lasciati in lingua originale con sottotitolatura. Oltre ai numerosi ortisti e cittadini milanesi e berlinesi nel film vi sono interviste a sociologi, architetti, politici, amministratori e psichiatri. Tra questi Thomas Emmenegger, fondatore dell’associazione Olinda di Milano e sostenitore del concetto di rigenerazione ‘umana-urbana’, il berlinese Hans Panhoff,  Assessore alla Pianificazione, Edilizia e Ambiente in Friedrichshain-Kreuzberg, Chiara Bisconti, Assessore al Benessere, Verde e Sport al Comune di Milano e Stefano Boeri, architetto del Bosco Verticale milanese.

Salvatore Laforgia – Parte dalla fotografia per arrivare al film specializzandosi in documentari e video musicali. È co-fondatore del movimento “I Seminatori di urbanità” (2013) per la campagna per la conservazione di orti comunitari e di una scuola agraria nel nord di Milano. Il suo ultimo progetto: video clip ironici per la campagna contro gli F35. Collabora con la rivista Focus.

Paola Longo – Laureata in Scienze Politiche è stata assistente di Achille Berbenni, direttore del Centro di Cinematografia Scientifica al Politecnico di Milano. Nel 2007 ha ottenuto la menzione speciale per il miglior documentario veneto, al Lago Film Fest di Revine Lago, con la “La fantasia è il sogno di sognare”. Collabora attualmente con Salvatore Laforgia per un progetto di documentari sociali e sul tema urbanità.

Il team di ricerca

Guido Larcher – Nato a Monaco di Baviera, dopo gli studi in economia e graphic design, lavora in diverse organizzazioni internazionali tra cui il programma media del governo USA. Responsabile come direttore tecnico dell’AsoloInternationalArtFilmFestival.

Inge Pett – Storica dell’arte, lavora come giornalista freelance e scrittrice di Berlino. In precedenza, ha lavorato per diversi media nazionali e internazionali, tra cui Deutsche Welle, Bayerisches Fernsehen, Voice of America (Washington D.C., München) und veja (Sao Paulo). Il suo obiettivo giornalistico e scientifico è su questioni culturali e sociali e scambio interculturale.

Ti potrebbe interessare anche...