Faenza. Ambiente. La città aderisce all’iniziativa di Rai2 Caterpillar ‘M’illumino di meno’.

Faenza. Ambiente. La città aderisce all’iniziativa di Rai2 Caterpillar ‘M’illumino di meno’.
M'Illumino di Meno, foto di repertorio

FAENZA. Dall’assessore all’ambiente Antonio Bandini l’invito a tutti i cittadini a partecipare con una simbolica azione. 

Il Comune di Faenza aderisce anche quest’anno a ‘M’illumino di meno’, l’iniziativa promossa dal programma radiofonico di Rai 2 Caterpillar, che propone per venerdì 19 febbraio una giornata dimostrativa sul risparmio energetico da parte di tutti i cittadini e gli Enti pubblici.

Giunta alla dodicesima edizione la campagna coinvolge anche nel 2016 una grande varietà di soggetti: migliaia di ascoltatori, centinaia di associazioni e i più importanti attori istituzionali. L’iniziativa si avvale da anni dell’alto patrocinio della Presidenza della Repubblica, dell’adesione del Senato e della Camera dei Deputati, del patrocinio del Parlamento Europeo e dell’adesione di centinaia di Comuni. A Faenza, dalle ore 18.00 alle 19.00 di venerdì 19 febbraio, saranno pertanto spente tutte le luci che illuminano l’area di piazza del Popolo. Inoltre, sempre venerdì, a Castel Raniero, alle ore 20.30, le Guardie ecologiche volontarie (Gev) di Faenza promuovono, in collaborazione con La Musica nelle Aie, “Amorta la luz e pidela!“, una fiaccolata per le strade di Castel Raniero con musica e canti popolari. 

Al termine della fiaccolata ritrovo davanti al sagrato della chiesa di Castel Raniero e bisò per tutti.

In occasione di questa dodicesima edizione di ‘M’illumino di meno’ l’assessore all’ambiente del Comune di Faenza Antonio Bandini rivolge, inoltre, un appello a tutti i cittadini affinchè partecipino con una simbolica azione: raggiungendo venerdì 19 febbraio il posto di lavoro in bicicletta. ’Penso che, insieme ad altre pratiche e interventi più strutturali, il nostro Comune – sottolinea l’assessore Bandini – possa stimolare questa rivoluzione culturale, dimostrando che è davvero possibile modificare le nostre abitudini e traformando la città in un luogo più bello, più sano e vivibile’.’

‘Sarebbe molto bello – conclude l’Assessore – dimostrare a tutti che il cambiamento è possibile e che può (deve) partire proprio da noi’.

 

Ti potrebbe interessare anche...