Coriano. Il grande jazza al teatro CorTe con Alessandro Fariselli 4et feat Fabrizio Bosso.

Coriano. Il grande jazza al teatro CorTe con Alessandro Fariselli 4et feat Fabrizio Bosso.
fariselli bosso jazz

CORIANO. Giovedì 25 febbraio (ore 21,15) il Teatro CorTe di Coriano vibra al ritmo di Alessandro Fariselli 4et feat Fabrizio Bosso. Concerto che prende le mosse da ‘Let’s Go’, primo album del quartetto guidato dal sassofonista Alessandro Fariselli, che sancisce la sua pluriennale collaborazione con il pianista Massimiliano Rocchetta, il contrabbassista Mauro Mussoni e il batterista Fabio Nobile. Progetto discografico che spazia dal jazz al blues, dal funk allo swing grazie a brani inediti, rivisitazioni dei classici di Shorter, Ellington, Coltrane, Brecker e omaggi a Beatles, Marley e Michael Jackson. Un suono moderno che non dimentica lo stile tipico del jazz anni ’60. Ospite speciale sul palco il fenomenale trombettista Fabrizio Bosso, star internazionale e tra le collaborazioni di punta dell’album, che con le sue prodigiose improvvisazioni galvanizzerà l’interplay del vivace quartetto romagnolo. 

Giovedì 25 febbraio, alle ore 21,15, al Teatro CorTe di Coriano serata jazz da veri intenditori per il concerto di Alessandro Fariselli 4et feat. Fabrizio Bosso.

In primo piano Let’s go, il primo progetto discografico del quartetto guidato dal sassofonista romagnolo Alessandro Fariselli, album che sancisce la sua pluriennale collaborazione artistica con il pianista Massimiliano Rocchetta, il contrabbassista Mauro Mussoni e il batterista Fabio Nobile. Strumentisti dalla solida reputazione che, insieme o singolarmente, hanno collaborato, in Italia e all’estero, con artisti internazionali del calibro di Mario Biondi, Gegè Telesforo, Rosalia De Sousa e Tanya Michelle.

Let’s go, uscito la scorsa primavera, presenta 14 brani che spaziano dal jazz al blues, dal funk allo swing fino al soul. Tra inediti (“Let’s go”, “Semplicissimo”, “Venice blues”, “Ma”), rivisitazioni di classici (“Cold Duck Time” di Eddie Harris, “Black Nile” di Shorter, “Caravan” di Ellington, “Nothing personal” di Brecker, “Lonnie’s lament” di Coltrane, “Nutville” di Horace Silver) e avventurose fughe in territori extra jazz (“And i love her” dei Beatles, “I shot the sheriff” di Marley e “I just can’t stop loving you” di Michael Jackson) il quartetto propone un suono contemporaneo senza dimenticare le sonorità tipiche del jazz anni ’60. Versioni a cui nell’album contribuiscono numerosi amici musicisti come Fabrizio Bosso, Luca Mannutza, Gianni Giudici, Piero Frassi, Francesco Puglisi, Gianluca Nanni, Dino Gnassi, Stefano Serafini e Fabio Russo.

E sarà proprio Fabrizio Bosso l’ospite speciale del concerto a CorTe. Occasione per ascoltare le prodigiose improvvisazioni del trombettista di origini torinesi, musicista eclettico dalle indiscusse doti tecniche e melodiche, divenuto una delle star del panorama jazz internazionale. Artista di grande talento e generosità, molto amato sia dagli appassionati che dal grande pubblico grazie alle collaborazioni pop con Nina Zilli e Raphael Gualazzi, che contribuirà a dare ulteriore energia all’interplay del vivace quartetto di musicisti romagnoli.

 

Ti potrebbe interessare anche...