Emilia Romagna. L’8 marzo ingresso gratuito per tute le donne nei luoghi di cultura statali.

Emilia Romagna. L’8 marzo ingresso gratuito per tute le donne nei luoghi di cultura statali.
russi villa romana mosaici

EMILIA ROMAGNA. L’innata forza e bellezza delle donne le pone in una posizione privilegiata rispetto alla lettura del linguaggio dell’arte. Anche per questo il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo ha deciso che, a partire da quest’anno, l’8 marzo tutte le donne possano sempre entrare gratuitamente in tutti i luoghi della cultura gestiti dallo Stato.

Vi aspettiamo nelle nostre aree archeologiche di Marzabotto (BO), Russi (RA) e  Veleia, sull’Appennino piacentino, con le tante testimonianze e rappresentazioni della figura femminile che attestano il ruolo mai secondario della donna nel corso della Storia. Per celebrare il binomio Donna e Arte e le tante espressioni artistiche che da tempo immemorabile hanno reso omaggio alle infinite forme e manifestazioni del femminile.

Antica città di Kainua e Museo Nazionale Etrusco ‘Pompeo Aria’ Via Porrettana Sud 13 – Marzabotto (BO) museo aperto dalle 9 alle 17.30, area archeologica dalle 8 alle 17.30

Ciò che fa di Marzabotto, l’antica Kainua, una testimonianza unica nell’ambito della civiltà etrusca è la straordinaria conservazione dell’impianto originale della città, scandito da ampie strade che si incrociano ortogonalmente, suddividendo in modo regolare lo spazio urbano orientato secondo i canoni dell’etrusca disciplina.

La visita al sito si snoda, sullo sfondo dei calanchi, dai resti dell’abitato sul vasto pianoro, alle costruzioni sacre dell’acropoli, alle aree funerarie subito al di fuori della città dei vivi.

Il museo dedicato a Pompeo Aria, organizzatore del primo nucleo della collezione, raccoglie le testimonianze, ricche di suggestione, della vita della città che prosperò dalla fine del VI alla metà del IV secolo a.C., con i ricchi corredi delle necropoli, le ricostruzioni di tetti e degli alzati delle case, le statuette votive in bronzo e una preziosa testa di Kouros, insieme a testimonianze dal territorio circostante, tra cui i ricchi corredi funerari da Sasso Marconi.

info 051 932353

Complesso archeologico della Villa Romana Via Fiumazzo – Russi (RA) aperto dalle 9 alle 16.30 (ultimo ingresso ore 16)

Nato per lo sfruttamento agricolo dell’area nell’antichità, l’insediamento rustico di Russi é forse il più importante finora noto dell’Italia settentrionale. Conobbe il massimo splendore tra il I e il II sec. d.C. quando il complesso fu completamente ristrutturato, anche scenograficamente, da un proprietario probabilmente arricchitosi vendendo le eccedenze agricole alla flotta militare romana che, dall’epoca di Augusto, aveva sede a Ravenna. È in questo periodo che la villa, gestita da un liberto con mansioni di fattore (procurator) al comando di un gran numero di schiavi, esce dall’autosufficienza per diventare una vera a propria macchina produttiva. Le dimensioni della cucina comune la dicono lunga sull’entità del personale della villa nei momenti di maggiore impegno, come aratura e mietitura di cereali o raccolta e pigiatura dell’uva.

Il proprietario (dominus) viveva in villa saltuariamente ma il suo alloggio era comunque lussuoso, con sala da pranzo (triclinium), stanza per ricevere (tablinum), impianto termale e pavimenti a mosaico.

Dopo un periodo di decadenza coincidente con l’allontanamento della flotta militare, la villa è parzialmente rioccupata quando la corte imperiale si trasferisce a Ravenna (V e il VI sec.) per poi essere definitivamente abbandonata in epoca medievale.

info 0544 581357

Area archeologica e Antiquarium di Veleia Strada Provinciale 14, località Veleia Romana – Lugagnano Val d’Arda (PC) aperta dalle 9 alle 15

I resti monumentali del municipium romano di Veleia sono tra i più suggestivi dell’Italia settentrionale.

Incastonata nelle colline piacentine, in un contesto naturalistico di assoluto valore, Veleia ruota attorno al proprio foro, la piazza circondata su tre lati da un portico su cui si aprivano botteghe e ambienti a destinazione pubblica, che Lucio Lucilio Prisco, uno dei due massimi magistrati locali, pavimentò con lastre d’arenaria ai tempi d’Augusto

Il pubblico può passeggiare tra i monumenti onorari e le vetuste architetture, tra l’edificio termale e i quartieri d’abitazione, e infine visitare il piccolo Antiquarium che, accanto ai calchi della Tabula Alimentaria traianea e della Lex de Gallia Cisalpina, espone i reperti che illustrano i momenti più significativi della storia di Veleia: le sue origini liguri, l’edificazione dei principali monumenti pubblici, le testimonianze degli arredi e dello stile di vita delle dimore private, i riti funerari e il ricordo degli spettacoli gladiatori.

Ti potrebbe interessare anche...