Faenza. Ultimo appuntamento a Faventia Sales per il ciclo d’incontri ‘Educare un’esperienza sempre possibile’.

Faenza. Ultimo appuntamento a Faventia Sales per il ciclo d’incontri ‘Educare un’esperienza sempre possibile’.
Mamma e figlia, foto di repertorio

FAENZA. Giovedì 10 marzo, alle ore 20.45, nella sala 4 di Faventia Sales (via San Giovanni Bosco 1), si conclude il ciclo di conferenze dedicate all’educazione dei figli in adolescenza, organizzato dal Centro per le Famiglie in collaborazione con la cooperativa sociale Sacra Famiglia.

A quest’ultimo appuntamento interverrà lo psicanalista e scrittore Luigi Ballerini, che stimolerà alcune riflessioni su come accompagnare i figli in questa delicata fase del ciclo di vita, quando muovono i primi passi alla scoperta di loro stessi e iniziano ad affrontare le piccole e grandi sfide della crescita.

Nella conferenza si parlerà di come incoraggiare l’autostima nei figli, delle difficoltà che incontrano i genitori e i ragazzi in questo periodo di forte cambiamento e di quanto lo sguardo e l’atteggiamento degli adulti possano facilitare o ostacolare la loro crescita.

L’iniziativa vuole offrire un’opportunità per riflettere sul proprio stile educativo e su come è possibile trasformare un momento di crisi e di difficoltà (dei figli e/o dei genitori) in un’opportunità per cambiare qualcosa che non va.

L’incontro è rivolto prioritariamente ai genitori di figli preadolescenti e adolescenti, ma anche a tutti gli operatori che si relazionano con bambini e/o ragazzi. La partecipazione è gratuita e non è richiesta prenotazione. Per informazioni  rivolgersi al Centro per le famiglie dell’Unione della Romagna Faentina (via degli Insorti 2, Faenza – tel. 0546 691816-691871) Luigi Ballerini, medico e psicanalista, opera a Milano dove vive con la moglie e i suoi quattro figli. Si occupa da molti anni di tematiche relative all’infanzia e ai giovani, incontrando genitori, ragazzi e insegnanti nel suo studio professionale così come presso scuole e centri culturali. Svolge attività di supervisione in molte scuole lombarde. Collabora inoltre con diverse testate nazionali sui temi dell’educazione, della scuola e del lavoro ed è anche scrittore e autore di narrativa per l’infanzia e per adulti.  Un suo libro è stato insignito del White Raven Award 2009 e nel 2014 ha vinto il Premio Andersen per il miglior libro rivolto ai bambini nella fascia di età compresa dai 9 ai 12 anni.

Ti potrebbe interessare anche...