Ravenna. Rosa Parks ha il suo giardino. In tanti all’inaugurazione dell’area verde adiacente piazza San Bartolo.

Ravenna. Rosa Parks ha il suo giardino. In tanti all’inaugurazione dell’area verde adiacente piazza San Bartolo.
Intitolazione giardino Rosa Parks Ravenna

RAVENNA. Bambini, adulti, anziani e anche un gruppo di bersaglieri in divisa hanno partecipato questa mattina alla cerimonia di intitolazione a Rosa Parks del parco adiacente la piazza di San Bartolo. Erano presenti gli assessori alle Politiche sociali Giovanna Piaia, alla mobilità Roberto Fagnani, i presidenti del consiglio territoriale Ravenna sud Antonio Mellini, del comitato cittadino di San Bartolo Ettore Pirazzini e di Start Romagna Marco Benati.

Per rievocare la storia di Rosa Parks (paladina del movimento antirazzista negli Usa avviato proprio con il suo gesto di rifiuto di cedere il suo posto in autobus a un bianco, nel 1955), si è svolta all’interno di un gremito mezzo pubblico di Start una toccante performance teatrale dal titolo ‘Fai la cosa giusta: il gesto di Rosa Parks’ a cura di Anita Guardigli e Carla Scala di Asja Lacis.

‘Ricordiamo Rosa Parks come madre dei diritti umani e sociali  – ha affermato l’assessora Piaia - .E mi soffermo su quelli sociali perché ancora oggi sono le disabilità a denunciare gli handicap della città nel suo non sapersi adeguare alle esigenze di tutti i suoi abitanti, compresi quelli più svantaggiati. Anche i posti sui bus sono simbolo di accessibilità. L’abbinamento che abbiamo formulato oggi tra il ricordo di questa storica figura femminile e la presentazione del nuovo bus di Start, modernamente attrezzato, vuole essere un modo per tenere viva l’attenzione sull’importanza di dare continuità a valori universali di rispetto e dignità delle persone’.

‘Figure come Rosa Parks e Malala Yousafzai, la giovane  attivista pakistana, Premio Nobel per la pace, rappresentano esempi da seguire per continuare la difesa dei diritti umani. E mi congratulo con i cittadini di San Bartolo per questa iniziativa che loro fa onore’. Passando al tema del trasporto pubblico da estendere nella località, sollevato dall’intervento del presidente del Comitato cittadino Ettore Pirazzini, l’assessore Fagnani ha confermato come dagli incontri pubblici legati al piano urbano per la mobilità sostenibile stia emergendo la necessità di adeguare il trasporto pubblico locale alle esigenze della immediata periferia “che condividiamo e di cui terremo conto nella futura pianificazione in accordo con Start’.

Dal canto suo il presidente di Start, Marco Benati ha confermato la volontà di rivedere tutta la rete dei servizi di trasporto pubblico in chiave più rispondente alle esigenze della immediata periferia; ha poi messo l’accento sull’incremento del parco mezzi con 13 nuovi Iveco Urbanway di 12 metri a metano Euro sei dotato di pedana disabili (tra cui quello che ha ospitato la cerimonia di stamani).

Antonio Mellini, presidente del Consiglio territoriale Ravenna sud  è intervenuto per spiegare, tra l’altro,  come l’intitolazione sia nata da un’idea dei ragazzi e delle ragazze che nell’ambito del progetto ‘Lavori in Comune’ hanno partecipato ad un laboratorio sulla toponomastica femminile.

Al termine della cerimonia sono state scoperte due targhe da oggi presenti nel parco che riportano le seguenti diciture ‘giardino Rosa Louise Parks’ e ‘Non devi aver paura di ciò che fai, se sai che è la cosa giusta’, attribuita alla stessa Parks.

Ti potrebbe interessare anche...