Cesena. Giocare con l’arte. Nuove installazioni e mostre del (Non)museo. Sabato l’inaugurazione.

Cesena. Giocare con l’arte. Nuove installazioni e mostre del (Non)museo. Sabato l’inaugurazione.
giocando con il blu

CESENA. SABATO 12 MARZO ore 16.30 [Non]Museo – via Aldini, 50 Cesena 

  • ‘PERMANENZE’ di BARBARA BALESTRI Mostra di dipinti e disegni 

‘Quando tracciamo raccontiamo sempre una storia anche se a volte non ce ne accorgiamo. I miei dipinti raccontano la mia storia in un continuo intreccio tra passato e presente. L’orizzonte che vedo è limitato dal mio sguardo e sfuma dal centro verso i confini del mio occhio, ma non per questo io dubito di altri orizzonti, quelli che so che potrei vedere voltandomi o guardando da altre posizioni. Orizzonti che sono sempre presenti nella stessa percezione dell’orizzonte che ora vedo e senza i quali esso non sarebbe quello che è, orizzonti che non solo posso e potrò raggiungere ma anche che non posso più o non potrò mai raggiungere. In ciò che ora percepisco sono innestati altri tempi e passati irrecuperabili, che fanno il presente che si apre al futuro. Il presente vive del passato che muore e non può far morire che un passato realmente esistito.’ Barbara Balestri 

La mostra presenta una serie di dipinti nati da un’indagine che l’artista sta compiendo, in particolar modo intorno ai ricordi della propria infanzia. Parte della mostra è dedicata ad un momento di condivisione con i visitatori, che sono invitati a lasciare nella stanza, in forma privata o pubblica, una traccia che racconti di un ricordo. Tratti o parole hanno la stessa capacità di descrivere, ci consolano e ci dicono, in un modo o nell’altro, di noi.

  • ‘IL NON POTERTI VIVERE MI HA FATTO PENSARE SOLO CHE A T’E' / secondo movimento’ di GIORGIA VALMORRI  e LORELLA CALZOLARI

Installazione site specific 

All’interno della sala, sono appese come spartiti musicali sette tavole che hanno dato il via, durante la scorsa edizione di Bim! Microfestival di cultura infantile presso la Scuola Primaria Carducci ad un’improvvisazione musicale, eseguita dalla pianista Lorella Calzolari. Le tavole, realizzate da Giorgia Valmorri, portano con sé una narrazione a diverse voci. Una storia che racconta di ricordi d’infanzia e di ciò che permane dell’esperienza quotidiana nel luogo della scuola dopo tanti anni. Gli strumenti di osservazione utilizzati dalle artiste sono stati in prevalenza registrazioni sonore, gli spazi della Scuola Primaria Carducci e il ricordo di pensieri ed emozioni personali. È un racconto sulla lontananza e sulla ricerca di contatto, sull’ascolto e sulla ricostruzione di un’atmosfera. Il luogo della scuola, le registrazioni e i ricordi sono diventate il ponte per un incontro tra immagini e musica.

  • ‘GIOCANDO CON IL BLU’ di GIORGIA VALMORRI

installazione

All’interno dello spazio si troveranno materiali di diversa natura. L’unico aspetto che li accomuna è l’essere di colore blu. Con il materiale, tagliato di misura uguale, le persone avranno a disposizione scotch di tipologie diverse per attaccare e andare a creare un collage, senza uno schema stabilito e impostato. I materiali quindi si andranno a sommare fino a creare uno spessore composto dal passaggio delle persone, spessore che porta con sé tante idee e tanti momenti di gioco puro e semplice.

Lo scopo di mettere a disposizione uno spazio pieno di materiali senza dare obiettivi o imput specifici parte dalla riflessione fatta dall’artista Giorgia Valmorri durante la creazione delle tavole del progetto ‘Il non poterti vivere mi ha fatto pensare solo che a te’. Scorgendosi completamente assorbita nel ‘gioco con il blu’, avendo perso i contatti sia con il tempo che con lo spazio Giorgia ha riscoperto la libertà del gioco, del perdersi e del riscoprirsi bambini.

WEEK END DI LETTURE, LABORATORI E ATELIER

intorno alle mostre e installazioni

  • DOMENICA 13 MARZO

‘IL BLU DI KLEIN’  lettura e laboratorio intorno al libro ‘IVES KLEIN’ di Fausto Gilberti a cura di Fabiola Tinessa   ore 17.00 per bambini dai 3 ai 12 anni

A Parigi pioveva, e Yves pensava….ma a cosa pensava? Pensava alla sua immensa passione per il colore del mare e del cielo che lo portò a diventare uno tra i più grandi artisti del mondo.   Una proiezione dedicata ai bambini racconta la vita di Ives Klein e la sua passione per il blu. Seguirà un laboratorio ‘all’inverso’ dove partendo dal blu, attraverso il processo del portare via creeremo delle opere astratte fatte di segni, tracce, e fantasia.

  • SABATO 19 MARZO

‘IO SPECCHIO’ lettura e atelier intorno al libro ‘Io sono Io’ di Maria Beatrice Masella a cura di Katrièm Associazione   ore 17.00 per bambini dai 3 ai 12 anni 

Chi c’è in quello specchio? E chi c’è in questa faccia davanti alla mia? C’è un po’ di me e un po’ di te forse? Come posso raccontare cosa sto vedendo in questi occhi? Un atelier  polimaterico per giocare con le varie possibilità narrative che stanno dentro al nostro guardarci come ad un qualcosa che contiene tanti pezzettini di tutto il nostro vivere. ‘

  • DOMENICA 20 MARZO  ’Giocando con il blu’ a cura di Giorgia Valmorri dalle 16.30 alle 18.00 per bambini dai 3 anni e genitori  

Si entrerà in una stanza per ascoltare ad occhi chiusi un pezzo dell’opera ‘ il non poterti vivere mi ha fatto pensare solo che a te’ per poi scrivere le immagini che la musica ha suscitato. In un secondo luogo le parole verranno tradotte in immagini, disegni, colori, dando vita ad una nuova tavola come quelle proposte nell’opera.

Per partecipare ai laboratori è necessario iscriversi scrivendo a info@nonmuseo.it o telefonando a 329 2291306.

 

Ti potrebbe interessare anche...