Rimini. Donazione organi. Si potrà dichiarare la propria volontà al momento dell’emissione della carta d’identità.

Rimini. Donazione organi. Si potrà dichiarare la propria volontà al momento dell’emissione della carta d’identità.
aned croceverde donazione organi

RIMINI. ‘Nelle prossime settimane partirà una campagna di informazione ai cittadini, relativa alla possibilità di dichiarare, al momento dell’emissione della carta d’identità, la propria volontà rispetto alla donazione di organi’. Lo ha detto l’assessore per i Servizi alla persona del Comune di Rimini Irina Imola, partecipando stamane alla ‘Giornata Mondiale del Rene’, organizzata in piazza Cavour da Aned e A.Usl Romagna, con il contributo fondamentale di Croce Verde Novafeltria.

L’evento, come noto, è mirato a sensibilizzare la popolazione rispetto alle malattie nefrologiche che rappresentano, a livello mondiale, la quinta causa di morte e che in Italia colpiscono il 7 per cento della popolazione. Malattie per le quali il trapianto di organo può essere risolutivo. Di qui l’importanza di ogni iniziativa di sensibilizzazione rispetto a tale pratica, o di facilitazione, come quella annunciata dall’assessore Imola, la quale, nel suo saluto, ha aggiunto che ‘siamo molto felici di aiutare, attraverso tutte le facilitazioni possibili, a promozione e il nostro patrocinio, questa manifestazione’. L’assessore ha inoltre girato l’ampio stand, composto da un tendone e da due ambulanze della Croce Verde, nel quale già in mattinata circa 80 persone si sono recate per visionare materiali informativi, parlare con medici e operatori (presenti medici e infermieri volontari e dell’unità operativa di Nefrologia e Dialisi di Rimini, compreso il primario Angelo Rigotti) ma soprattutto effettuare un breve ed essenziale check-up per escludere eventuali patologie renali. A tutti coloro che si sono presentati è stata proposta la compilazione di una breve scheda anamnestica, fatto esame delle urine, la misurazione della pressione arteriosa e del peso corporeo ed una breve visita/colloquio con lo specialista nefrologo.

La medesima iniziativa sarà svolta il sabato 19 marzo, dalle ore 9 alle ore 15, all’interno dell’Ospedale ‘Sacra Famiglia’ di Novafeltria, sempre coi medici della Nefrologia e Dialisi e con Aned, Croce Verde e Croce Rossa di Novafeltria.

I reparti di ‘Nefrologia e Dialisi’ dell’A.USL Romagna si occupano di gestire le terapie mirate a combattere e rallentare queste malattie e la loro progressione verso la fase uremica terminale, nonché della gestione della fase “sostitutiva” della funzione renale con le metodiche dialitiche e con il trapianto. Massima attenzione è posta anche alle patologie che potrebbero portare, se non adeguatamente gestite, alla comparsa di patologie renali (in particolare le malattie metaboliche, in primis il diabete mellito e l’ipertensione arteriosa) nonché dei percorsi di prevenzione e diagnosi precoce. L’Ausl Romagna segue circa 1.250 pazienti in dialisi (tra residenti e turisti, a quali viene così offerta la possibilità di trascorrere un periodo di vacanza altrimenti impossibile) e nei reparti dei vari territori vengono ricoverati circa 1.300 pazienti l’anno. 

A Rimini è attivo un ambulatorio di primo livello presso il quale vengono effettuate circa seimila visite l’anno prenotabili attraverso il Cup; quindi un ambulatorio di secondo livello con percorso ad hoc, che segue circa 400 pazienti con insufficienza renale grave per ulteriori 1.200 visite l’anno; un ambulatorio specifico segue, infine, i pazienti portatori di trapianto renale funzionante (136 per circa altre 1.000 visite l’anno). Il reparto di degenza ricovera dai 360 ai 390 pazienti l’anno e i centri di emodialisi trattano circa 200 pazienti residenti per un totale di più di 30.000 dialisi l’anno cui si sommano circa 250 dialisi l’anno d’urgenza e 150 pazienti ”turisti” in dialisi vacanza (600 dialisi nel 2015). Vengono inoltre gestiti 16 pazienti in trattamento dialitico peritoneale domiciliare.

Ti potrebbe interessare anche...