Forlì. Un caso di meningite meningococcica su una giovane di 18 anni. Isolati i contatti stretti.

Forlì. Un caso di meningite meningococcica su una giovane di 18 anni. Isolati i contatti stretti.
Bambina colpita da meningite. Immagine di repertorio.

FORLI’.  Il  Servizio Igiene Pubblica di Forlì è intervenuto venerdì 18 marzo, a seguito di segnalazione di un caso di meningite meningococcica in una studentessa di 18 anni che frequenta una scuola di Forlì.

La giovane è ricoverata da ieri sera in ospedale e le sue condizioni sono discrete. Il meningococco è un batterio che generalmente si localizza a livello della gola, senza determinare alcun tipo di disturbo e molto raramente, in individui che si trovano in condizioni di particolare vulnerabilità, è causa di  malattie importanti quali la meningite o la setticemia. Casi  isolati di meningite  rientrano nella assoluta normalità epidemiologica della meningite nel nostro paese.

Il meningococco si trasmette attraverso le goccioline di saliva a seguito di contatti interpersonali stretti e prolungati.  Dall’indagine epidemiologica immediatamente attivata sono stati individuati come contatti stretti, i familiari conviventi e gli alunni ed gli insegnanti della classe frequentata.

Come misura di massima cautela, per interrompere la circolazione del meningococco ed impedire la comparsa di ulteriori casi di malattia, a questi soggetti sono state fornite le informazioni ed è stata effettuata la prescrizione dell’antibiotico consigliato a scopo profilattico.  La profilassi non è ritenuta utile per chi non ha avuto contatti stretti e prolungati con la persona malata nei dieci giorni precedenti la comparsa dei sintomi.

 

Ti potrebbe interessare anche...