Cesena. Tre incontri in programma su famiglia e servizi per l’infanzia, un’alleanza educativa.

Cesena. Tre incontri in programma su famiglia e servizi per l’infanzia, un’alleanza educativa.
famiglia, foto di repertorio

CESENA. I servizi educativi per l’infanzia di Cesena, accolgono ogni anno una media di 3.000 bambini di età ricompresa da 0 a 6 anni, di cui 2.300 nelle scuole dell’infanzia e 700 nei nidi. Si tratta di un numero importante di piccoli e di famiglie, che ogni anno scelgono di iscrivere i bambini nei servizi educativi per l’infanzia per una molteplicità di esigenze e di aspettative, sia di natura organizzativa, relativi in particolare alla conciliazione dei tempi fra lavoro e famiglia, sia di natura educativa.

La qualità di questi servizi rappresenta un tratto distintivo delle attività poste in essere dal Comune, che da anni investe risorse ed energie sul coordinamento pedagogico, sulla formazione continua degli insegnanti, sul rafforzamento costante dell’organizzazione dei servizi, sulla partecipazione attiva e sul coinvolgimento delle famiglie. A tal fine, infatti, come stabilito lo scorso giugno a seguito di un lungo percorso di condivisione con le famiglie, si sta realizzando il concorso pubblico che poterà, da settembre 2016, all’assunzione nelle scuole comunali di 14 insegnanti a tempo indeterminato.

‘Per continuare ad investire in queste attività – dichiarano il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore ai servizi per le persone Simona Benedetti – e pensare con pienezza al futuro sereno dei nostri bambini, siamo molto convinti che sia necessario ampliare i momenti di dialogo con le famiglie. Ascoltando i genitori che chiedono al Comune consigli ed informazioni, abbiamo maturato la convinzione che sia utile tornare a costruire momenti collettivi di confronto sul valore educativo dei servizi per l’infanzia, a partire dai nidi. Sull’importanza, in particolare, del crescere insieme, facendo esperienze di comunità e di socializzazione fin dalla tenerà età, attraverso la costruzione di un vero e proprio patto educativo che tenga insieme i bambini, il personale educativo e i genitori’.

‘Certo, siamo consapevoli del costo in particolare del nido, ma bisogna sempre ricordare che il calcolo personalizzato delle rette, realizzato sulla base dell’ISEE familiare, ha certamente reso più equa la cifra che ogni mese è posta a carico delle famiglie. Sempre per  i nidi, ad esempio, la retta può variare in una forbice che parte da 90 euro mensili per arrivare fino a 480 (ma con oltre 40.000 di ISEE familiare), che quest’ano sono stati ulteriormente ridotti del 10%. Insomma, prima di fare la scelta di non iscrivere i bambini al nido, vale assolutamente la pena di informarsi adeguatamente’.

Con questo obiettivo, sono stati organizzati i tre incontri del ciclo ‘Famiglie e servizi per l’infanzia, un’alleanza educativa’. Il primo appuntamento è fissato per venerdì 15 aprile alle ore 18.00 nella sala Rossa del San Biagio: dopo i saluti  del sindaco Paolo Lucchi interverrà Valerio Belotti, sociologo e docente di politiche per l’infanzia e l’adolescenza all’Università di Padova,  che parlerà di ‘I bambini tra cittadinanza e investimento sociale. La partecipazione al nido e gli effetti di lungo periodo’.  A seguire l’intervento di Ada Cigala, docente di Psicologia dello sviluppo socio-emotivo all’Università di Parma, dal titolo ‘Ho tempo  – uno sguardo che riconosce e promuove lo sviluppo dei bambini’.

Il secondo incontro si svolgerà venerdì 13 maggio, alle ore 18, sempre nella Sala Rossa del San Biagio e vedrà la partecipazione di Paola Vassuri, pedagogista e responsabile Servizi Zerosei nel Comune di Bologna,  e dei rappresentanti del  Gruppo ‘Dialoghi sulla scuola‘, che raccoglie i genitori dei nidi e scuole dell’infanzia del Comune di Reggio Emilia.

Infine, l’ultimo incontro è fissato per venerdì 10 giugno, nella sede del Quartiere Oltresavio (in piazza Anna Magnani 1435), dove interverranno la psicologa Giovanna Caccialupi (titolo del suo intervento “Costruire la relazione genitoriale”) e della pediatra Anna Faetani (‘Leggere insieme fa bene’).

Ad introdurre e coordinare tutti gli incontri sarà l’Assessore ai Servizi per le persone Simona Benedetti.

Ti potrebbe interessare anche...