Santarcangelo. Sociale. Anche quest’anno il 5 per mille può essere destinato ai Servizi sociali del Comune.

Santarcangelo. Sociale. Anche quest’anno il 5 per mille può essere destinato ai Servizi sociali del Comune.
danilo rinaldi assessore sanità, servizi sociali sicurezza

SANTARCANGELO. Anche quest’anno il 5 per mille può essere destinato ai Servizi sociali del Comune per aiutare le persone in difficoltà: riparte quindi la campagna di comunicazione ‘Santarcangelo per il sociale’ per sensibilizzare tutti i contribuenti a destinare il 5 per mille dell’Irpef al proprio Comune, e dunque alla propria comunità. Per aderire è sufficiente firmare a ‘Sostegno delle attività sociali svolte dal Comune di residenza’ in fase di compilazione della dichiarazione dei redditi (CUD, modello 730, modello UNICO), indicando la partita Iva del Comune di Santarcangelo (01219190400) e sostenendo così il progetto ‘Santarcangelo per il sociale’ per aiutare le famiglie in difficoltà economica, assistere gli anziani soli e ammalati, aiutare i giovani a crescere e assicurare servizi ai disabili. Una firma che nella sostanza non costa nulla: il 5 per mille destinato al Comune infatti non è una tassa aggiuntiva, cambia soltanto il destinatario che non è più lo Stato ma il Comune di residenza.

Peraltro il numero di santarcangiolesi che hanno scelto di aiutare la propria comunità è cresciuto sostanzialmente: alla luce dei dati messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, infatti, nel 2014 sono stati 509 i contribuenti che hanno firmato per sostenere le famiglie in difficoltà, contro i 490 dell’anno precedente, per un importo complessivo di 11.845 euro rispetto agli 8.312 del 2013. Per l’assessore ai Servizi sociali Danilo Rinaldi, ‘L’incremento di ben 3.500 euro dell’importo destinato a questo progetto rappresenta non solo una conferma dell’attenzione che i santarcangiolesi riservano alla solidarietà, ma anche il segnale del buon operato dell’Amministrazione comunale, che attraverso questa campagna riesce a dare delle risposte concrete alle persone in difficoltà. Questi dati estremamente incoraggianti vanno ad aggiungersi all’impegno profuso attraverso il bilancio 2015, che ha investito sul sociale oltre un milione di euro, più un ulteriore milione per il servizio nido d’infanzia. Con il bilancio di previsione 2016 approvato di recente – conclude l’assessore – l’Amministrazione comunale conferma la particolare attenzione per le fasce più deboli della popolazione, per il mondo della scuola, della cultura e del lavoro‘.

 

Ti potrebbe interessare anche...